14 febbraio, Festa degli innamorati: scopriamo le origini di San Valentino

Feb 14, 14 14 febbraio, Festa degli innamorati: scopriamo le origini di San Valentino

14 febbraio, Festa degli innamorati: scopriamo le origini di San Valentino. San Valentino nacque a Terni nell’anno 175 d.C. ove è patrono della città, ma è anche patrono dell’amore e protettore degli innamorati di tutto il mondo.

Valentino votò la sua vita alla comunità cristiana, consacrato vescovo, da allora Valentino è considerato di fatto il patrono universale degli innamorati. La leggenda infatti narra che fu il primo religioso che osò celebrare il matrimonio tra un legionario pagano e una giovane cristiana. Valentino fu imprigionato e flagellato lungo la linea Flaminia per ordine dell’Imperatore Aureliano, per evitare tumulti dei fedeli, e subì il martirio.

foto-san-valentino-FESTA-INNAMORATIEsistono diverse leggende sul conto di San Valentino: una molto popolare è quella che un giorno egli sentì litigare due giovani fidanzati e gli andò incontro tenendo in mano una splendida rosa, donandogliela e pronunciando parole di riconciliazione. Quindi chiese loro di stringere insieme il gambo del fiore e pregare affinché il loro amore restasse eterno. Il 14 febbraio i due celebrarono il matrimonio proprio con San Valentino, ed è per questo che San Valentino viene celebrato in questa data.

Si narra inoltre che il giardino dell’abitazione del Santo era considerato luogo di gioia e amore, dove gli abitanti di Terni erano soliti andare per ricevere i preziosi consigli di Valentino.

I bambini erano sempre molto graditi nel giardino di San Valentino e qui spesso, si recavano per giocare: a Valentino infatti piaceva la loro spensieratezza e la loro purezza, e gli osservava anche perché non corressero rischi. Quando il sole iniziava a tramontare, il Santo era solito regalare loro un fiore da portare alle loro mamme, in modo che filassero dritti a casa senza fare tardi e quindi preoccupare i propri parenti.  

14 febbraio, Festa degli innamorati: scopriamo le origini di San Valentino. L’usanza più comune per la Festa degli innamorati, è quella di spedire bigliettini a tutte le persone che si amano, o alle quali si vorrebbe piacere.

foto-san-valentino-BAMBINIUsanza vissuta in tal senso in Inghilterra, mentre in Italia invece si festeggia con la propria dolce metà, donando in genere un bel mazzo di rose e/o una scatola di golosi cioccolatini, ma recentemente, specie tra i teenager, è tornata la moda di lasciare dei messaggi anonimi magari tra i banchi di scuola, in modo che la ragazza (o il ragazzo) possa risalire alla misteriosa persona.

Bimbi, teenager o adulti che si sia, buon San Valentino a tutti!

di Elisabetta Coni


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA *