1stFone: il primo cellulare per bambini

Giu 22, 13 1stFone: il primo cellulare per bambini

La società inglese OwnFone, ha progettato e creato un telefono cellulare adatto ai bambini piccoli, dai 3/4 anni in poi. L’apparecchio cellulare, chiamato 1stFone, consentirà al bambino solamente di chiamare i numeri preimpostati dai genitori attraverso la selezione rapida, in più, avrà sul retro il numero di telefono stampato, così il bambino potrà leggerlo sempre.  Potrà, infatti, ricevere e rispondere alle chiamate.

Quindi, il bambino dovrà solamente premere un semplice tasto per chiamare la mamma o le Forze dell’Ordine, in quanto la chiamata patirebbe in automatico. Il telefono non avrà altre funzioni, in modo che il bambino non possa utilizzarlo per navigare su Internet, o mandare SMS.

foto-1stfone.Un modo per tranquillizzare i genitori, in quanto potranno tenere sotto controllo in ogni momento il proprio figlio, chiamandolo e insegnandoli a chiamare casa, o le Autorità se si trova in pericolo.  La casa britannica ha previsto, come tariffa, un abbonamento con varie opzioni: da 50 a 500 minuti di chiamate a mese, rispettivamente dai 9,00 ai 19,00 Euro.

Come era prevedibile, la novità ha destato pareri molto contrastanti. Da una parte, una fetta di genitori abbastanza entusiasti, perché trovano che sia un mezzo utile per sentire il figlio e per tenerlo otto controllo ma senza ostacolarlo troppo. Ci sono però i genitori che non sono d’accordo che dei bambini così piccoli possano usare liberamente il cellulare, altri che temono che i pericoli aumentino, visto che comunque il bambino può ricevere delle chiamate, sia dagli amici, che da perfetti sconosciuti.

foto-1stfone..Il lato positivo, è che non dovrebbe creare la dipendenza da cellulare, in quanto le funzioni sono limitate alla chiamata (non si potranno fare neanche le foto).

Il modello non sarà personalizzabile, avrà delle linee essenziali e potrà essere utile non solo ai bambini, ma anche agli anziani.

Voi cosa ne pensate amici???

.

di Elisabetta Coni


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.