Addio alla Banca del Cordone ombelicale di Terni

Set 20, 13 Addio alla Banca del Cordone ombelicale di Terni

Addio alla Banca del Cordone ombelicale di Terni. Che fine ha fatto la banca del cordone ombelicale di Terni? L’ambizioso progetto per la conservazione delle cellule staminali, stando alle parole della presidente dell’Umbria, Marini, sarebbe dovuto essere attivo già da due anni, a partire dai primi mesi del 2011. Con esso, sarebbe dovuto sorgere anche un centro per lo studio dell’applicazione terapeutica delle cellule staminali. Invece, sembra purtroppo essere calata la mannaia: la Regione ha cancellato il progetto, nonostante siano stati ordinati (e già consegnati) le varie apparecchiature per la raccolta e la conservazione del cordone ombelicale.

foto-banca-cordoneEppure c’era grande entusiasmo attorno a questo progetto. A partecipare all’avvio del progetto per la banca fu il compianto primario di ematologia dell’ospedale di Terni, Giampaolo Palazzesi, scomparso l’anno scorso e uno dei promotori più accaniti.

In concomitanza con la conservazione dei cordoni, sarebbe poi dovuta sorgere una struttura edilizia da dedicare alla ricerca sulle cellule staminali, la quale sarebbe dovuta essere diretta dal dottor Angelo Vescovi.

Invece che gettare il cordone ombelicale come si faceva, di norma, dopo il taglio, poteva venire conservato, in modo da riutilizzare le cellule staminali presenti. Esse sono totalmente simili a quelle del midollo osseo, è quindi concorrono nella cura di gravi patologie sanguigne. Queste cellule sono utilizzate, in particolare, nel trapianto per leucemie e linfomi, malattie congenite e metaboliche.

Ad oggi, possono essere curate con il trapianto di cellule staminali del cordone ombelicale più di 70 malattie e, in futuro, questo numero è destinato a crescere, ma purtroppo non nella struttura di Terni. A parte lo spreco di soldi pubblici e privati, quello che lascia sconcertati è che sono già presenti dei macchinari, ancora imballati, peraltro. C’è molta incertezza su come verranno utilizzati i costosi frigoriferi speciali per congelare il sangue ombelicale.

foto-incintaAddio alla Banca del Cordone ombelicale di Terni. Per poter utilizzare almeno una parte dei macchinari, e magari ricollocare nelle strutture regionali la rimanenza, si è proposto di aprire un centro di ricerca sulle cellule staminali.

A voi i commenti …

.

di Elisabetta Coni


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.