Alimenti per l’infanzia: sono detraibili dalla dichiarazione dei redditi

Lug 22, 13 Alimenti per l’infanzia: sono detraibili dalla dichiarazione dei redditi

In questo periodo di crisi, oltre al costo dei farmaci specifici, è diventato difficile sostenere anche i costi della spesa, specialmente se il bambino ha bisogno di seguire una particolare dieta, in quanto intollerante o addirittura allergico a certi alimenti. Le mamme e i papà sanno bene quanto siano diventate sempre più faticose da sostenere le spese destinate ai nostri piccoli soprattutto nei primi anni di vita. E in tempi di crisi, come questi, chi si può permettere un computer con una connessione Internet è sempre alla ricerca di bonus, sconti, vantaggi e riduzioni sui diversi prodotti necessari per la crescita e la salute dei propri bambini. Per questo qualsiasi aiuto, anche se minimo, da parte dello Stato è importante, sia a livello materiale, ma soprattutto a livello psicologico.

foto-dichiarazione-redditiMa, recentemente, c’è una piacevole novità: forse, non tutti sanno che il Ministero della Salute ha stilato una lista di alimenti destinati ai fini medici che possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi, se prescritti dal medico a scopo curativo. In questo caso è necessario allegare lo scontrino alla ricetta specialistica, come si fa con i normali farmaci e le spese mediche da detrarre.

Nella lista che potete trovare qui ci sono i prodotti in ordine alfabetico. Tra questi si possono trovare, ad esempio, Aminò, una linea di alimenti a basso contenuto proteico e con poco Sodio, Potassio e Fosfato indicati nei casi di insufficienza renale, epatopatie, morbo di Parkinson e altri disturbi.

foto-alimenti-infanziaNell’ambito di tali prodotti, è possibile scaricare il 19% dell’importo eccedente i 129,11 € considerando l’accumulo complessivo di tutto il nucleo familiare nell’arco dell’intero anno.  Finalmente, anche chi ha delle intolleranze e dei bisogni alimentari particolari potrà recuperare, anche se in minima parte, le spese sostenute per l’acquisto di tali prodotti. La procedura è la stessa, e cioè presentare la tessera sanitaria provvista di codice fiscale al farmacista, in modo che batta lo scontrino valevole per la detrazione.

Si ricorda che si possono detrarre ancora le spese mediche, come quelle per l’acquisto di occhiali/lenti a contatto presso l’ottico, semplicemente allegando lo scontrino alla prescrizione delle lenti.

.

di Elisabetta Coni

 


2 Comments

  1. Marchese giuseppe antonio /

    Da dove proviene questa notizia di detraibilità degli alimenti destinati a fini medici speciali ed elencati nella tabella del Ministero della salute?

    • admin /

      Buon giorno,
      grazie anzitutto dell’attenzione al nostro piccolo blog ed al nostro articolo.
      Come avrà potuto leggere, l’articolo redatto dalla nostra collaboratrice, Elisabetta Coni, tratta degli alimenti per l’infanzia che è possibile detrarre dalla dichiarazione dei redditi, come dal sito del Ministero della salute.
      Auspicando di essere stati utili, porgiamo i nostri migliori saluti.

      La Redazione
      Bambinizerotre

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.