Babbo Natale esiste davvero: intervista per grandi e bambini (VIDEO)

Dic 05, 14 Babbo Natale esiste davvero: intervista per grandi e bambini (VIDEO)

Il Santo Natale si stà ormai avvicinando e sono tantissimi i bambini che in tutto il mondo hanno già spedito la famosa letterina con i regali desiderati, a colui che ogni anno solca i cieli sulla sua slitta volante, trainata da magiche renne, consegnando doni a tutti i bimbi del mondo, che la mattina della vigilia, troveranno sotto l’albero di Natale, i giochi tanto agognati.
Ebbene si, perchè Babbo Natale è proprio colui che datante tante lune fa”, aiuta i bambini a realizzare i loro sogni, in quella che è la notte più bella e magica di tutto l’anno: la notte di Natale.
Una magia quella di Babbo Natale che però i bimbi con il tempo perdono, facendo sbiadire questo magico personaggio vestito di rosso, soprattutto perchè sono tante le domande che ruotano attorno a lui ed alla consegna dei doni in tutto il mondo, in una sola notte; senza dimenticare che spesso i bambini sono fuorviati dalle tante “imitazioni” di Babbo Natale che si incontrano durante il periodo Natalizio.
foto-babbo-natale-letterineEbbene, ma oggi, grazie alla magia della rete web, le mamme ed i papà, possono rispondere a tutte le domande del proprio bambino,dimostrandogliche Babbo Natale esiste davvero, e che ogni anno, nel suo ufficio postale, riceve tutte le letterine dei bambini! Dove?
Semplice, cliccando QUI, su questo link, ove si aprirà il video di un’intervista a Babbo Natale, girato da Santatelevision in Lapponia Finlandia, a Rovaniemi, presso il Villaggio di Babbo Natale; un video grazie al quale grandi e bambini si potranno tuffare nella magica atmosfera del Natale, ricevendo le risposte a tutte le proprie domande!
Ebbene si, perchè Babbo Natale in pesona, fa sapere di vivere al Circolo Polare artico, in Lapponia, precisamente nel magico villaggio di Rovaniemi, che nel periodo natalizio è completamente ammantato di neve; un posto, il Circolo polare artico, ove d’estate ci sono giorni in cui il sole non tramonta mai, mentre d’inverno al contrario, in alcuni giorni, il cielo è avvolto in una perenne notte.
Un posto, il Circolo Polare Artico che Babbo Natale, spiega si trova al centro di un incrocio tra tante strade, che vanno in tutte le direzioni del mondo; strade che anche le renne prendono le renne durante la notte di Natale!
Un posto ove le letterine sono ritirate dagli elfi, grandi esperti in fatto di Natale, che le portano sulla scrivania di Babbo Natale, nel suo ufficio postale di Rovaniemi, ove tra l’altro, lo scorso anno, sono giunte tra le 500mila e le 60mila letterine, provenienti da 160 paesi del mondo!
Una letterina, che Babbo Natale raccomanda, non deve essere solo l’elenco di tutti i giochi e doni materiali desiderati, ma contenere anche una riflessione sui comportamenti avuti e sulle aspettative in termini di crescita e di felicità, come ad esempio “sarò più buono con la mia sorellina” in risposta ad una riflessione condivisa con mamma e papà, a sostegno di una crescita serena, della serie “quindi prometto che sarò buono con la mia sorellina perchè, la mamma e il papà, che mi amano, mi hanno spiegato che facendo arrabbiare Anna, loro diventano tristi”.
Quanto quindi al tema “caldo”, i giochi, Babbo Natale spiega che vengono costruiti nella montagna di Corvatuntuli, un posto segretissimo, il cui nome, composto dalle parole “Corva” e “Tuntuli”, stà ad indicare la particolare forma della montagna, di due orecchie di animale ritte sulla testa: un luogo magico, dal quale Babbo Natale può ascoltare le voci del cuore di tutti i bimbi del mondo.
foto-babbo-natale-rennaMa attenzione a tutte le mamme ed i papà, a non mettere in guardia i bambini da Babbo Natale, della serie ”Non fare il monello, che Babbo Natale ti guarda e poi non ti porta niente”, perchè in tal modo si usarà Babbo Natale come una sorta di strumento per ottenere dal bambino questo o quel comportamento, facendogli perdere la magia del Natale, se non anche arrivare a fargli nutrire il timore di essere giudicati, spiati o ancora, puniti, proprio da Babbo Natale.
Quanto infine alla consegna dei doni, Babbo Natale segue le vie che dal Circolo Polare, portano per le strade del mondo e lo fa volando con le sue renne, sfruttando per la consegna, i fusi orari della terra, per cui, ci sono bimbi che si svegliano in alcuni posti della Terra, mentre altri bimbi, in posti diversi del globo, nello stesso momento, stanno per andare a dormire, e ancora, altri bimbi nello stesso momento in altri posti ancora, stanno mangiando o facendo il pisolino pomeridiano.
Insomma, ora è tutto chiaro e tutto spiegato a grandi e bambini, che possono ancora continuare a credere nella magia del Natale!
.
La Redazione


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.