Bibite gassate: aumentano la violenza infantile

Ago 22, 13 Bibite gassate: aumentano la violenza infantile

Che il consumo di bibite gassate sia sconsigliato sia per quanto riguarda gli adulti che per i bambini è risaputo, ma oggi a sottolineare questa posizione arriva un nuovo motivo, perchè pare che le bibite gassate favorirebbero i comportamenti violenti nei bambini. E’ questo quanto emerso da uno studio condotto dalla dottoressa Sara Solnick dell’Università del Vermont, a Burlington, e pubblicato sulla rivista “Injury Prevention, edita dal British Medical Journal”.

Lo studio è stato condotto su un gruppo di 1.878 ragazzi, ai quali è stato chiesto quante lattine di bibite gassate avessero bevuto la settimana  precedente e a quanti e quali atti aggressivi si fossero  lasciati andare nell’ultimo anno. Ebbene, quello che è emerso è che, anche tenendo conto di  altri fattori di rischio come alcol e fumo, vi è una stretta correlazione tra il consumo di bibite gassate e la probabilità di avere atteggiamenti aggressivi verso  coetanei e familiari.

foto-bibite-gassate.La dottoressa Solnick ha spiegato che il motivo di questo legame resta ancora da chiarire. Potrebbe esserci un nesso di causa-effetto, nel senso che bere troppe bibite potrebbe indurre alla violenza, magari a causa di qualche ingrediente contenuto in esse stimolante l’aggressività, oppure, il legame bibite-violenza potrebbe riflettere un altro problema: il consumo di bibite potrebbe essere infatti dovuto al bisogno di assorbire più zuccheri e questa necessità metabolica può indurre alla violenza.

Insomma, per il momento rimane tutto un po’ vago, per cui la dottoressa ha spiegato che verranno fatti ulteriori studi più approfonditi per capire cosa ci sia effettivamente alla base di questo legame.

Tra le cause comunque sicuramente ci sono alcune tra le sostanze contenute nelle bevande come la caffeina, che oltre a provocare insonnia causerebbe reazioni impulsive.

foto-bibite-non-gassateTutti sappiamo quanto i bambini amino le bollicine, ma una buona soluzione consisterebbe nel limitare se non addirittura vietarne loro il consumo, a favore di bibite più sane e naturali. Ciò potrebbe in parte limitare i suddetti problemi comportamentali, oltre che, da non sottovalutare, tornare utile alla loro salute.

.

di Elisabetta Coni


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.