Bibo nel paese degli specchi: una favola per parlare di adozione

Ago 05, 13 Bibo nel paese degli specchi: una favola per parlare di adozione

Bibo nel paese degli specchi è una storia che parla di adozione attraverso i testi di Beatrice Masini e le illustrazioni di Patrizia La Porta per l’editore Carthusia.

Il libro racconta di un mondo lontano nel quale esistono paesi separati e caratterizzati da una chiusura degli uni verso gli altri: ogni paese, insomma, è un mondo a sé. Ogni tanto però succede che le porte di questi paesi si aprano in modo che gli abitanti possano trasferirsi in altri luoghi e decidere anche di rimanerci. I paesi nei quali ci si mescola con gli abitanti di altri posti sono quelli più vivaci e animati. In questo mondo lontano esistono anche un Paese dei Bambini Soli e un Paese dei Grandi Soli. Grazie alla saggezza di Sapiente, grande conoscitore dei differenti Paesi, un uomo e una donna che si amano e che desiderano un figlio a cui voler bene scoprono l’esistenza del Paese dei Bambini Soli e decidono di fare un viaggio per capire se esiste un bambino solo che abbia bisogno di loro. foto-bibo-mondo-specchi.I Bambini Soli si divertono tra loro e trascorrono le giornate giocando eppure sentono la mancanza di qualcosa ma non tutti riescono a capire o ricordare a cosa sia dovuta questa mancanza. Tra questi bimbi vive Bibo che un giorno, curiosando nel suo Paese, trova la porta che consente di viaggiare altrove e incontra l’uomo e la donna che si amano. Decidono di viaggiare insieme e di scoprire altri Paesi come quello delle Coccole, dei Baci, delle Parole Giuste e dei Giochi Giocati. Un giorno i tre arrivano nel Paese degli Specchi e Bibo si accorge per la prima volta, specchiandosi, di essere un bimbo completamente blu. I due grandi che stanno viaggiando con lui sono invece arancioni. Bibo si rattrista perché vorrebbe essere del loro stesso colore ma i due adulti rispondono: “Finché non ti sei visto nello specchio non lo sapevi nemmeno che eravamo diversi(…) Per volersi bene non serve essere dello stesso colore”. I due grandi spiegano a Bibo, curioso di sapere qualcosa del proprio passato, perché tra loro ci sia una differenza di colore e in modo delicato e schietto si parla di genitori naturali che non hanno potuto provvedere alla cura del piccolo Bibo e che hanno infine deciso di lasciare il loro figlioletto nel Pianeta dei Bimbi Soli sperando che un giorno qualcuno si potesse occupare di lui.

foto-bibo-mondo-specchi..Quel che qui ho brevemente riassunto è un racconto carico di emozioni che sa accogliere le domande, i dubbi e i pensieri che un bambino adottato può sollevare all’interno della famiglia che lo accoglie. Per parlare con i bambini servono le “Parole Giuste” menzionate nella storia ma nulla risulta troppo complicato quando gli adulti riescono a porsi in una relazione d’ascolto con il bambino che hanno di fronte.

Genitori attenti e responsabili non possono che cogliere l’occasione di sfogliare un libro come questo per aprire un discorso che può rivelarsi ad un certo punto necessario per il bambino adottato che si pone delle domande. Tuttavia la storia di Bibo sia comunque fruibile da un pubblico molto più ampio in quanto tratta limpidamente il tema della diversità vissuta come risorsa e ricchezza e non come impedimento al desiderio di stare insieme.

Titolo: Bibo nel paese degli specchi

Autori: Beatrice Masini, Patrizia La Porta

Editore: Carthusia

Collana: Ho bisogno di una storia

Data di Pubblicazione: Ottobre 2007

ISBN: 8887212805

ISBN-13: 9788887212808

Pagine: 31

acquistabile qui al prezzo di 13,52 €

.

di Alessandra Banfi


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.