Bimba esce dalla depressione grazie al suo cane

Ago 09, 13 Bimba esce dalla depressione grazie al suo cane

Curarsi con l’affetto degli animali si può. Ce lo insegna Portos, un cucciolo di cane che grazie ad una visita quotidiana per due settimane con la sua padroncina è riuscito a farla guarire da una grave forma di depressione. La bambina ricoverata nel reparto di Terapia Intensiva Pediatrica del Policlinico Gemelli di Roma, era stata colpita da mielite post-infettiva e da una forma di tetraplegia.

La piccola paziente non riusciva a reagire alla fisioterapia, causa una depressione post-traumatica ma adesso la bambina sta bene ed è tornata a casa, grazie all’equipe medica guidata dal dottor Giorgio Conti, che con il permesso della direzione sanitaria ed il consenso dei genitori ha fatto entrare in reparto Portos, il cucciolo della bambina, dopo ogni seduta di fisioterapia.

foto-bimba-cuccioloLa bimba si era chiusa infatti in un mutismo acinetico e non riusciva ad essere molto collaborativa in fisioterapia ma ha reagito già al primo incontro, col Dr. Conti ed è stato così possibile staccarla dal ventilatore meccanico ed iniziare a fare sessioni di fisioterapia più intensa. Per questi ottimi riscontri ottenuti si punta a riproporre questo trattamento integrato anche per altri piccoli pazienti.

Questo è il primo caso di pet therapy utilizzato in un reparto di Terapia Intensiva Pediatrica nel Lazio dal 2002, quando tale terapia è stata legislativamente riconosciuta in Italia. Oggi è utilizzata insieme a cure specifiche per far fronte a malattie neurologiche, disturbi di tipo psicologico ed anche in casi di disordine dello sviluppo, soprattutto per rendere i pazienti reticenti più collaborativi nei confronti dei medici e delle cure a cui si devono sottoporre.

foto-mano-zampaSono molti gli animali che permettono l’utilizzo della pet therapy, oltre ai cani hanno dato eccellenti risultati anche i cavalli, gli asini i delfini ed ultimamente sono risultati efficaci anche altri animali da fattoria.

Questa è senz’altro una testimonianza importante e significativa, che mostra come il legame affettivo con i nostri animali domestici: un legame che può influire positivamente sui pazienti – grandi e piccoli – , risolvendo casi complessi e delicati.

.

di Elisabetta Coni

 


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.