Carnevale: le filastrocche di Gianni Rodari

Feb 09, 13 Carnevale: le filastrocche di Gianni Rodari

L’aria di Carnevale ormai aleggia ovunque e per festeggiare degnamente questa goliardica festa, non poteva mancare l’appuntamento con la letteratura italiana del grande Gianni Rodari, che a questo gioioso appuntamento dell’anno ha dedicato alcune delle sue opere.

E per trascorrere oggi un gioioso pomeriggio, ecco tre opere che Gianni Rodari ha dedicato al Carnevale, da leggere ai propri bambini e a piacere, da ripetere con loro, giocando allegramente con le parole e con il ritmo, imparando altresì a conoscere le tipiche maschere di questa colorata festa.

.

Viva i coriandoli di Carnevale di Gianni Rodari

foto maschera e coriandoliViva i coriandoli di Carnevale,

bombe di carta che non fan male!

Van per le strade in gaia compagnia

i guerrieri dell’allegria:

si sparano in faccia risate

scacciapensieri,

si fanno prigionieri

con le stelle filanti colorate.

Non servono infermieri

perché i feriti guariscono

con una caramella.

foto pulcinellaGuida l’assalto, a passo di tarantella,

il generale in capo Pulcinella.

Cessata la battaglia, tutti a nanna.

Sul guanciale

spicca come una medaglia

un coriandolo di Carnevale.

.

Il gioco dei se di Gianni Rodari

Se comandasse Arlecchino

il cielo sai come lo vuole?

foto arlecchinoA toppe di cento colori

cucite con un raggio di sole.

Se Gianduia diventasse

ministro dello Stato,

farebbe le case di zucchero

con le porte di cioccolato.

Se comandasse Pulcinella

la legge sarebbe questa:

a chi ha brutti pensieri

sia data una nuova testa.

.

Carnevale di Gianni Rodari

foto maschereCarnevale in filastrocca,

con la maschera sulla bocca,

con la maschera sugli occhi,

con le toppe sui ginocchi:

sono le toppe d’Arlecchino,

vestito di carta, poverino.

Pulcinella è grosso e bianco,

e Pierrot fa il saltimbanco.

Pantalon dei Bisognosi-

foto personaggi carnevaleColombina, – dice, – mi sposi?

Gianduia lecca un cioccolatino

e non ne da niente a Meneghino,

mentre Gioppino col suo randello

mena botte a Stenterello.

Per fortuna il dottor Balanzone

gli fa una bella medicazione,

poi lo consola: – E’ carnevale,

e ogni scherzo per oggi vale.

 

Di Mamma Melacotta


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.