Come stimolare lo sviluppo del linguaggio nel bambino

mar 03, 13 Come stimolare lo sviluppo del linguaggio nel bambino

Tra le preoccupazioni di una mamma – ed un papà – ruolo di prim’ordine riveste il linguaggio.

Comuni sono infatti le mamme che confrontano il proprio bambino con quello di amiche e/o parenti e sottolineano come il proprio bambino non sappia ancora dire determinate parole o costruire una piccola frase, allarmandosi e preoccupandosi più del dovuto ma soprattutto senza motivo.

E’ bene infatti anzitutto dire ogni bambino è un individuo e caso a se e che a volte, quando il bambino tarda a parlare è perchè, è semplicemente pigro e quindi non esiste alcun problema di fondo, anche perchè magari, spesso, il bambino non è semplicemente stimolato a parlare, in quanto ad esempio si spiega bene a gesti, oppure è capito “al volo” da mamma e papà – o da chi si occupa di lui.

In questi casi sorge quindi la domanda spontanea di tanti genitoriCome posso stimolare lo sviluppo del linguaggio nel mio bambino?

Ed ecco quindi qualche semplice ma utile consiglio, partendo dal fatto che i bambini imparano la lingua e le parole, semplicemente ascoltando, i propri famiglia e le altre persone, per cui è basilare, parlare davanti a loro e con loro, in modo corretto ed usare sempre più nuovi e diversi vocaboli, sviluppando così la loro capacità linguistica ed ampliando il loro vocabolario:

  • foto letturecreare una sorta di appuntamento quotidiano, nel quale leggere ad alta voce, tanti e diversi libri, preferibilmente con illustrazioni colorate e simpatici personaggi che attirino la sua attenzione, le cui storie e trame, vadano via via … di giorno in giorno, diventando sempre più complesse e al cui termine della storia, far seguire un momento per i commenti e per spiegare le parole ed i concetti nuovi al bambino;
  • a pranzo e cena, è bene evitare di accendere la televisione, sia per abituare il bambino a prendere coscienza del momento della tavola, sia per approfittare di quando la famiglia è riunita assieme, per parlare di quanto è successo durante la giornata, creando uno splendido momento di ritrovo in famiglia e incentivando la conversazione ed il linguaggio di grandi e … bambini;
  • approfittare della naturale curiosità del bambino, per intraprendere sempre, una buona conversazione con lui/lei, sviluppando il suo vocabolario;
  • diversificare le parole durante la conversazione, evitando di usare sempre le stesse parole ma se ed ove possibile diversificarle, permettendo così al bambino, di conoscere ed imparare nuovi vocaboli, ad esempio non usando sempre il termine “bello” ma sostituirlo con termini come: carino, elegante, affascinante, splendido, … eccetera;
  • evitare mortificazioni col bambino quando non ricorda o non sa usare correttamente un vocabolo o una parola, tranquillizzandolo invece e sottolineando i suoi numerosi successi, evitando gli antichi pregiudizi, che volevano i bambini non capire nulla … perchè i bambini, sono come delle spugne, le cui menti imparando da ogni nuova esperienza;
  • foto linguaggiocercare di far interessare il bambino al mondo dei libri e della letteratura, onde far si, che quando egli sarà in grado di leggere, vedrà questo mondo, come un mondo amico … tutto da leggere e scoprire;
  • giocare con il proprio bimbo alla scoperta della casa e/o del luogo in cui si è, visitando assieme il posto e le stanze, descrivendo gli oggetti;
  • giocare col bimbo a emulare situazione di vita quotidiane, durante le quali parlare, come ad esempio parlare al telefono o andare dal dottore, … eccetera;
  • cantare col proprio bambino o ripetere allegre filastrocche e/o poesie;
  • nel quotidiano, tentare di far associare al bambino i suoi bisogni, con le relative parole, ossia sete (o bere), mangiare (o pappa), pipì e cacca, bagnetto, ciuccio, nanna, … eccetera, onde non solo sviluppare il linguaggio ma anche la comunicazione e l’intesa con il bambino stesso!

.

Di Mamma Melacotta


Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− uno = 6

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>