Crescita del bambino: l’amichetto del cuore

Feb 19, 15 Crescita del bambino: l’amichetto del cuore

Le amicizie sono una delle prime e più importanti risorse del bambino, che sono fondamentali per il suo benessere psicofisico e per la sua crescita, in quanto presuppongono e favoriscono il confronto, migliorano l’autostima e fanno si che il bimbo faccia nuove esperienze, sperimentandole proprio anche attraverso gli occhi degli amichetti.
Queste amicizie diventano più solide intorno all’ultimo anno della scuola materna e si intensificano con l’arrivo alle elementari; un periodo nel corso del quale, accade che i sentimenti nei confronti di alcuni amichetti, diventino più intensi, al punto tale da estromettere persino mamma e papà da alcuni piccoli spazi che il bimbo si è ritagliato da loro.
foto-amichetta-del-cuoreUno spazio che presuppone nuove avventure, giochi, divertimento ma anche piccole delusioni, che per quanto possano dispiacere ai genitori, fanno parte del quotidiano e della crescita di ogni bambino.
Intorno ai 6 anni di età del bambino, inizia a delinearsi inoltre la figura dell’amico del cuore; una figura che probabilmente li accompagnerà durante tutta la vita e che ritroveranno più avanti, nei momenti difficili, o che magari, potranno anche perdere nel momento del cambio della scuola.
L’amico del cuore, il compagno preferito con cui si è più in sintonia, che si preferisce agli altri bambini per affinità di gusti o di comportamenti, al quale confidare i segreti più intimi e profondi; il compagno fidato di tutti i giorni, che ti sopporta e supporta.
foto-amico-del-cuoreUna figura, quella dell’amichetto del cuore, che diventa una figura di appoggio alla quale ispirarsi e che molte volte, si finisce anche per emulare; un comportamento che non è preoccupante nel caso in cui i ruoli tra i bambini si alternino, ma che lo diventa, qualora uno dei due ne diventa in un certo senso, succube.
Sottostare a soprusi e prepotenze non è infatti assolutamente giusto e normale e il bambino ha assunto un tale atteggiamento, è opportuno parlare con lui per capire cosa non vada e per quale motivo egli non si ribella a tale situazione; è inoltre importante fargli capire che sottostando a queste ingiustizie non potrà essere felice e che invece, è molto più appagante un’amicizia che vede gli amichetti, entrambi sullo stesso piano.
.
di Tata M. Eliana


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA *