Dal 6 settembre, torna Fiorinsieme con “Small Gardens in the City”

Set 04, 14 Dal 6 settembre, torna Fiorinsieme con “Small Gardens in the City”

Da sabato 6 a domenica 14 settembre 2014 in Piazza Paolo VI, la Piazza del Duomo di Brescia, si terrà una nuova edizione de Fiorinsieme, l’evento green ideato e progettato da Associazione Florovivaisti Bresciani in collaborazione con il Comune di Brescia, giunto alla nona edizione, titolata “Small Gardens in the City”.
Un evento che nel corso degli anni ha attirato migliaia di visitatori, trasformando i 1200 metri quadrati di una delle piazze più belle del nostro paese, in una splendida serra a cielo aperto con fiori e piante, accompagnata da incontri sul verde ed una mostra mercato conl meglio della produzione florovivaistica della provincia.
Una nuova edizione che vedrà l’allestita una grande area verde a prato calpestabile, un piccolo bosco urbano, 7 aiuole e 6 piccoli giardini – quali perfette soluzioni di micro spazi verdi, ideati e realizzati da aziende del settore – che si potranno ammirare lungo il percorso, accompagnato da pannelli descrittivi delle specie botaniche.
foto-fiorinsieme-piazzaIl programma dell’evento prevede incontri gratuiti in Piazza Paolo VI e presso il Capitolium in Via dei Musei, che vestito per l’occasione di piante e fiori, grazie alla presenza di esperti del verde dell’Associazione Florovivaisti Bresciani, vedrà affrontare argomenti legati al mondo delle piante, dai molteplici utilizzi dell’Aloe e della lavanda, alle piante che fanno bene alla salute, dai consigli per mantenere un prato o coltivare un orto biologico, ai consigli con dimostrazioni su come usare le aromatiche in cucina!
Lungo il carnet di eventi in programma tra i quali merita menzione quello di venerdì 12 Settembre dalle 9,00 alle 12,30 presso la sala auditorium della Fondazione CAB in Via Trieste n°8, Brescia, col convegno dal titolo “Il verde come elemento del vivere bene il pianeta” e tratterà il legame tra l’ambiente e il verde, sottolineando l’importanza di realizzare un verde di qualità, elementi di educazione ambientale, funzioni del verde e i benefici in termini di salute, avente come relatori: Dott. Agr. Lorenzo Bazzana (Capo servizio Tecnico-Economico Coldiretti Nazionale), Prof.ssa Nadia Marchettini (Docente Chimica dell’Ambiente e Beni Culturali – Un. Siena), Per. Agr. Francesco Mati (Pres. Fed. prodotto Florovivaismo Naz.le Confagricoltura), Dott. Antonio Vivenzi (Associazione Nazionale Comuni Virtuosi), al quale saranno presenti l’Assessore all’Agricoltura della Regione Lombardia Giovanni Fava, Alberto Manzo, responsabile Tavolo Tecnico Florovivaismo del Mipaaf Roma, l’Assessore Ambiente e Protezione Civile del Comune di Brescia Giovanni Fondra, il presidente dell’Associazione Florovivaisti Bresciani e Regionale Nada Forbici, Organizazioni agricole provinciali e Alberto Folonari di Fondazione CAB.
Domenica 14 sono invece in programma dimostrazioni e installazioni floreali a cura del “Gruppo Fioristi Professionisti Brescia (ASCOM)”, che saranno in Piazza Paolo VI anche per offrire consigli di arte floreale al pubblico.
foto-fiorinsieme-aiuoleNei week-end circa una decina di espositori della provincia esporranno le loro produzioni, tra piante grasse, bromelie, tsillandsie, orchidee, piantine di lavanda, stagionali, annuali, perenni e molto altro, trasformando per 9 giorni Brescia nella capitale del verde, mentre presso lo storico Hotel Vittoria in Via X Giornate 20, si terrà una mostra fotografica di Ferruccio Carassale, fotografo del mensile Gardenia, dal titolo “Trasparenze“,con 24 opere, romantiche e misteriose, dedicate alle rose.
L’Associazione Florovivaisti Bresciani da anni si batte per diffondere una corretta cultura del verde e Fiorinsieme è un importante progetto che nell’arco di 8 anni ha potuto contare su decine di migliaia di visitatori per edizione e che anche quest’anno si rinnova e si impegna ad attirare l’attenzione sugli argomenti e sui problemi che ruotano intorno al mondo del florovivaismo e della progettazione del verde, essendo uno stimolo per tutti a pensare la città in modo più “green“, perchè un centro storico ricco di verde, tra parchi, giardini e aiuole studiati e mantenuti adok”, è indubbiamente un modello unico di vivibilità e di sostenibilità ambientale. Non trovate anche voi?
.
La Redazione


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.