Donna bianca cita in giudizio Banca del seme, per aver avuto un bimbo di colore

Ott 07, 14 Donna bianca cita in giudizio Banca del seme, per aver avuto un bimbo di colore

Nel nostro paese prosegue la famosa “battaglia” per i diritti civili, così come la “questionedella eterologa e nel frattempo, giusto a tema, succede che negli Stati Uniti, una coppia lesbica, bianca, decida di citare in giudizio la Midwest Sperm Bank di Downers Grove, Illinois, per aver ricevuto il campione di un donatore molto ma molto diverso, da quello prescelto: diciamo di tutt’altro colore! Ma andiamo per ordine.
Jennifer e la sua compagna Amanda Zinkon, una 36 e l’altra 29 anni, residenti nei pressi di Cleveland, non lontano da Chicago, dopo aver ufficializzato con le nozze la loro unione a New York,l decidono di mettere al mondo un bambino e si rivolgono alla Midwest Sperm Bank.
foto-jennifer-bambinoFu così, che le due donne, dopo un’accurata selezione, scelgono uno dei donatori, nello specifico, il liquido seminale di un uomo bianco, e se lo fanno spedire direttamente a casa, dopo aver pagato la cifra di circa 3.000 dollari, cioè circa 2.500,00 euro.
Così, dopo un po’ il seme tanto agognato arriva e Jennifer si fa fecondare artificialmente; tutto procede a meraviglia, la futura mamma ed il bambino stanno bene ed a circa il sesto mese di gravidanza, la coppia al culmine della gioia per la meravigliosa esperienza della maternità, decidono di farsi spedire dell’altro liquido seminale, sempre dalla stessa banca del seme, e sempre appartenente allo stesso donatore, scelto – ed usato – la prima volta.
Dopo aver quindi sborsato un’altra volta circa 3.000 dollari, cioè circa 2.500,00 euro, il tanto desiderato pacchettino bis arriva e viene portato immediatamente al ginecologo delle due donne; ma allorquando il medico inforca gli occhiali, si accorge di un piccolissimo dettaglio: la sigla sulle provette è differente!
foto-jenniferInutile dire che parte subito la telefonata alla Banca del seme, la quale comunica che suo malgrado, c’è stato un minuscolo errore: la prima consegna era stata sbagliata ed il seme non era dell’uomo bianco prescelto ma di un uomo di colore e caraibico.
Ovviamente Jennifer Cramblett non interrompe la gravidanza e decide di tenere il bambino, che – come mostrano le foto – ha evidentemente i tratti del donatore del liquido che l’ha fatto nascere; un donatore le cui caratteristiche sono però ben diverse da quelle scelte dalle due donne.
.
La Redazione


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA *