Donna in coma mentre il suo bimbo cresce dentro di lei

Ott 05, 13 Donna in coma mentre il suo bimbo cresce dentro di lei

Donna in coma mentre il suo bimbo cresce dentro di lei. Una storia triste e allo stesso stesso tempo eccezionale quella di Carolina e del bambino che ha in grembo.

Carolina ha solo 25 anni, è in rianimazione, in coma e, mentre lei lotta contro la morte, il suo bimbo le cresce dentro, come se fosse una normale gravidanza. Ma cosa è accaduto a questa giovane donna? Era una normale sera d’estate del 25 agosto di quest’anno, a Lauro, un piccolo paese vicino Avellino. Carolina era a casa dei suoi genitori, quando, all’improvviso, un vicino di casa, Domenico Aschettino (ora in carcere) spara con freddezza prima a suo padre, poi a lei, al fratello, a sua madre e a sua nonna. Ad avere la peggio sono suo padre, molto sul colpo e lei, colpita alla testa. I soccorsi sono immediati ma la situazione appare subito molto grave.

Adesso Carolina è nel reparto di rianimazione dell’ospedale Cardarelli di Napoli. Accanto a lei tutte le persone che la amano, in primis il marito che racconta:

foto-donna-incinta-sdraiata“Le sto vicino per ore, le parlo, le racconto quello che succede a casa … Ho registrato con il telefonino un video del nostro bambino di due anni e l’altro giorno le ho fatto sentire la sua voce. Le scendevano le lacrime. Allora l’ho rifatto altre volte e lei ha pianto ancora. Io sono sicuro che mi sente e sente la voce di nostro figlio. Sono sicuro che capisce. Non può comunicare né muoversi ma capisce. Può guarire e tornare a casa …”.

Anche Orlando, il fratello Di Carolina, non perde la speranzaSono qui, da questa parte e mi è sembrato di vedere un piccolo movimento della testa”.

foto-mano-neonato-papàDonna in coma mentre il suo bimbo cresce dentro di lei. I medici non si pronunciano espressamente su queste reazioni. Adesso stanno tentando di diminuire la sedazione e dare la possibilità al cervello di ricominciare la sua normale attività, ma i risultati non sono incoraggianti. Al momento Carolina non respira da sola, non si muove, non riesce a parlare. Si parla di ischemia cerebrale diffusa. E’ difficile dire cosa le riserverà il futuro. Per adesso è lì immobile da quella terribile sera mentre la sua pancia cresce. Il suo bimbo o bimba combatte, vuole nascere.

La sua gestazione è giunta al quarto mese, i medici dicono che se arriva almeno al sesto si può pensare di far nascere il piccolo. Intanto il marito Giampiero dice “Se sarà un maschietto lo chiameremo Vincenzo, così avrà lo stesso nome del suo povero nonno”.

.

di Anna Chianese


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.