Educazione bambino: genitore autoritario, autorevole o permissivo?

Apr 16, 14 Educazione bambino: genitore autoritario, autorevole o permissivo?

Educazione bambino: genitore autoritario, autorevole o permissivo? Ogni genitore desidera che il proprio bambino cresca con l’educazione migliore possibile, pertanto spesso una mamma ed un papà, si ritrovano a porsi l’agognata domanda: come mi devo comportare con il mio bambino? Nello specifico, la domanda riguarda lo stile educativo dea seguire con un figlio ed il tipo – diciamo così – di genitore che si deve essere, ossia se un tipo di genitore permissivo, piuttosto che autoritario.

Ebbene, diciamo che in generale non esistono modelli educativi specifici e ben distinti da seguire ma questo non vuol dire che bisogna essere permissivi, anzi ma che ci sono semplicemente delle regole e quindi dei limiti da tenere ben presenti nell’educazione del proprio bambino.

foto-mamma-bambiniRegola, la prima delle quali è indubbiamente quella di dire i doverosino”, ad ogni azione e comportamento sbagliato del bambino, per la quale ogni genitore deve essere capace di dare – appunto – dei limiti al proprio bambino; limiti che seppur rappresentano di fatto dei confini da non superare, non saranno attenzione un impedimento per il bambino, che anzi li considererà una sorta di “salvagente” entro il quale può agire serenamente, senza per intenderci farli male!

Limiti che saranno quindi carpiti in modo positivo dal bambino, anche perchè grazie a questi capirà i propri errori e quindi di aver sbagliato a non ascoltare i “no” di mamma e papà!

La fatidica domanda a questo punto quindi è: un genitore deve essere autoritario? La risposta è senza ombra di dubbio no, una mamma ed un papà devono essere autorevoli ma assolutamente non – e mai – autoritari.

L’autoritarismo infatti non implica la disponibilità ad ascoltare il proprio bambino e quindi rappresenta di fatto una violenza, alla quale spesso si associa l’uso della forza e nello specifico urla e punizioni talvolta troppo dure, che possono peraltro suscitare nel bambino stati d’ansia e conformismo psicologico, ossia la diminuzione della considerazione e quindi della stima di sé stesso.

L’autorevolezza invece fa capire al bambino che il genitore, seppur nel fermo della sua posizione è sempre presente, pronto a sostenerlo, ascoltarlo e aiutarlo!

Educazione bambino: genitore autoritario, autorevole o permissivo? Da chiarire che seppur non essendo duri, è bene però non essere iperprotettivi, in quanto questo atteggiamento non permette al bambino di sperimentare e quindi di sbagliare, perché seppur con dispiacere di mamma e papà, e anche e soprattutto sbagliando che nella vita si impara, senza dimenticare il fatto che nella vita si devono spesso, compiere tanti tentativi per raggiungere un obbiettivo!

foto-punizioni-bambinoOltre ad essere autorevole e non iperprotettivi quindi, un genitore deve tener a mente un’ultima ma non meno importante cosa, ossia il fatto di non trascurare mai i suoi figli, a dispetto di qualsiasi tipo di impegno, perchè i bambini trascurati purtroppo, in genere non si sentono né amati e né accettati, tanto che spesso sono disposti praticamente a tutto per ricevere un po’ di affetto e di approvazione: uno status ovviamente assolutamente sbagliato e negativo, che può peraltro portare ansia e scarsa stima di sé stessi.

Un’attenzione continua e costante verso i propri figli che deve essere non solo nelle cose grandi e nei momenti importanti ma anche nelle piccole cose di tutti i giorni, come ad esempio nei modi con i quali ci poniamo coi bambini, usando una parola che magari può essere fuori posto, facendosi guidare dallo stress e della fretta, rispetto invece all’amore ed alla calma.

Essere genitori certo non è cosa facile ma ognuno troverà dentro di sé le risposte giuste!

.

di Tata M. Eliana


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.