Endometriosi: un nuovo farmaco per ridurre il dolore

Nov 03, 14 Endometriosi: un nuovo farmaco per ridurre il dolore

L’endometriosi è una patologia cronica piuttosto dolorosa, caratterizzata dalla presenza di endometrio, ossia una mucosa che riveste la parete interna dell’utero in altri organi, quali ovaie, tube, peritoneo, vagina ed intestino. Nel corso del ciclo mestruale questo tessuto va incontro a sanguinamento, proprio come accade per il normale endometrio nell’utero; questo comporta un’irritazione dei tessuti circostanti e la formazione di tessuto cicatriziale.
Nella maggior parte dei casi, l’endometriosi è una sindrome penosa ed invalidante, che comporta dolore pelvico diffuso, dolore ovarico, dolore durante l’atto sessuale, colite, infertilità e persino aborti spontanei. Una malattia la cui conoscenza risulta purtroppo poco diffusa, ma che si stima colpisca dal 10% al 18% delle donne, con un aumento fino al 40% in condizioni di infertilità. Donne per aiutare le quali è nata una nuova cura per l’ endometriosi: un nuovo farmaco per ridurre il dolore .
foto-dolori-endometriosiUna malattia per la quale non esiste ad oggi una terapia definitiva in grado di debellarla, in quanto a seconda della volontà della donna, è possibile intervenire con farmaci antinfiammatori non steroidei per lenire il dolore, ridurre gli estrogeni per indurre una menopausa artificiale tramite medicinali oppure con androgeni, sebbene intervenire chirurgicamente tramite laparoscopia o laparotomia, sembra essere il metodo maggiormente seguito e consigliato.
Metodi ai quali oggi si aggiunge una nuova cura con il Dienogest, un farmaco progestinico orale utilizzato in genere nei contraccettivi, che secondo un recente studio italiano condotto dai ricercatori dell’Università di Siena in collaborazione con i colleghi della Clinica Mangiagalli di Milano su 120 donne affette da endometriosi, ha rilevato dopo 3 mesi di utilizzo, un miglioramento nella qualità della loro vita del 70%, grazie ad una significativa diminuzione del dolore derivante da endometriosi. Un farmaco che può quindi migliorare la qualità della vita dei 3 milioni di donne, colpite da questa patologia in Italia, che procura loro oggi, effetti pesantemente invalidanti.
Usato nei contraccettivi, Dienogest, di struttura simile al testosterone ma dalla forte attività anti-androgenica, la Bayer già da 1 anno ha messo in commercio una sua versione specifica per il trattamento del dolore da endometriosi, chiamata Visanne.
foto endometriosiLa sperimentazione condotta dai ricercatori è stata presentata durante il SIEPAM, il convegno clinico sull’endometriosi svoltosi a Verona, ove i ricercatori dell’università di Siena, hanno sottolineato come sia possibile intervenire a livello farmacologico, evitando così una terapia chirurgica fortemente invasiva, permettendo alle donne che soffrono di endometriosi, di condurre un’esistenza normale, con una notevole ripercussione positiva sul proprio benessere e sulla vita di coppia; ma non solo.
Dienogest infatti, avendo un’attività anti-androgenica, non presenta effetti collaterali quali irsutismo, ritenzione idrica e dolori gastrici, così da poterlo assumere per periodi di tempo prolungati; produce la completa inibizione dell’ovulazione e dell’attività mestruale, che riprendono però in maniera regolare, una volta interrotta la sua assunzione.
.
La Redazione


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA *