Fatebenefratelli: condannato per embrioni morti

Mag 29, 13 Fatebenefratelli: condannato per embrioni morti

Un fatto delicato e grave quello che nel 2007, vede degli embrioni morti, a causa di un black out: un fatto che vede una coppia, 37 anni lei e 50 lui, denunciare l’azienda ospedaliera Fatebenefratelli, ottenendo oggi giustizia, vedendo condannato l’ospedale.

“Embrioni morti” questa la denuncia fatta dalla coppia, assistita dagli avvocati Susanna Zimmaro e Anna Barbaccia, che vide nel lontano 2007, la morte di embrioni, che erano destinati alla fecondazione assistita, per la ricerca di una gravidanza: una speranza che non fu possibile perseguire, ledendo così il diritto della coppia al concepimento.

foto-fatebenefratelliL’ospedale milanese “Fatebenefratelli” è stato infatti condannato dal tribunale per lesioni del diritto al concepimento e al pagamento di un risarcimento pari a 65.000,00 euro a questa coppia, con la sentenza della scorsa settimana, del giudice Gabriella Migliaccio della quinta sezione del tribunale di Milano.

Il Nosonocomio, fu citato in Tribunale lo scorso 2008, per uno spiacevole fatto accaduto l’anno prima, nel 2007, quando la coppia era in procinto di effettuare la fecondazione assistita presso il Centro di sterilità Macedonio Melloni – una struttura, facente parte del Fatebenefratelli – ma il caso volle che nella notte del giorno precedente il delicato intervento, si verificò un black out nel Centro, che causò l’interruzione di elettricità negli incubatori degli embrioni – tra cui quelli della coppia – facendo perdere così, la possibilità dell’innesto, che avrebbe dovuto avvenire proprio il giorno seguente.

foto-embrioniUna triste storia … un infelice disegno del destino, la cui responsabilità, il giudice Gabriella Migliaccio, lo scorso 24 maggio, ha attribuito essere dell’azienda ospedaliera, come da sua sentenza, che chiarisce “... colpa del presidio ospedaliero” e spiega “che nel corso della notte avrebbe dovuto comunque effettuare i doverosi controlli sulla efficienza dell’alimentazione di corrente,” sottolineando “tanto più necessari per la delicatezza del materiale biologico contenuto negli incubatori”

In particolare, il giudice Gabriella Migliaccio, chiarisce che la coppia, non avrebbe subito solo la perdita di un bambino ma una più profonda e importante lesione del diritto al concepimento, che oggi ilFatebenefratelli”, dovrà risarcire con una simbolica cifra pari a 65.000,00 euro, a favore di questa mancata coppia di genitori.

.

di Mamma Melacotta


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.