Gonfiore addominale e ritenzione idrica, “addio”: ecco come

Feb 25, 15 Gonfiore addominale e ritenzione idrica, “addio”: ecco come

La ritenzione idrica ed il gonfiore addominale sono purtroppo disturbi molto diffusi ma che forse non tutte sanno, che è possibile limitare, semplicemente facendo attenzione alla propria dieta alimentare e quindi, a cosa si mangia e a cosa si beve a tavola!
Si, si avete capito bene mamme e donne, perchè rinunciando per un determinato periodo di tempo a tavola a determinati cibi, è possibile ripristinare un corretto equilibrio intestinale, riducendo significativamente la ritenzione idrica ed il gonfiore addominale.
E proprio a tal proposito, ecco altri semplici ma preziosi consigli da non dimenticare:foto-stop-ritenzione-idrica

  • mangiare lentamente masticando bene il cibo;
  • bere molto ma soprattutto lontano dai pasti;
  • evitare bibite fredde e gassate, prediligendo di contro, semplice acqua naturale.

Quanto invece alle cattive abitudini, è bene sottolineare che il chewingum, per quanto non è cibo che si ingerisce, è molto dannoso, in quanto, quando si masticano gomme, sia l’aria, che gli zuccheri, finiscono ugualmente nell’organismo, gonfiando la pancia.
Altra accortezza è da avere con i legumi con la buccia, come ad esempio fagioli, ceci, lenticchie e altre leguminose, che per quanto facciano indubbiamente bene alla salute, sarebbe opportuno passarli interi al passaverdure, per renderli più digeribili.
Sempre difficili da digerire sono poi il latte ed i suoi derivati, soprattutto nel cambio di stagione; per cui, l’ideale sarebbe sostituire per qualche tempo formaggi e latte vaccino con le rispettive versioni vegetali in commercio. Discorso a parte invece vale ovviamente per lo yogurt, che contribuisce a mantenere sana la flora intestinale e sgonfia, la pancia!
Cosa risaputa invece riguarda l’anidride carbonica contenuta nelle bibite gassate, che come per l’alcol, gonfiano la pancia; ma a dispetto di ciò, molte volte non si riesce a fare a meno di bere una lattina; l’importante è almeno riuscire a limitarne il consumo!
foto-dietaLo zucchero è risaputo poi che contribuisce alla fermentazione intestinale, così come alla ritenzione di liquidi, motivo per cui, non bisognerebbe mangiarne tutti i giorni, ma anzi, sarebbe opportuno fare addirittura periodi di pausa dai dolci, per liberare l’organismo!
Oltre allo zucchero, bisogna ammettere che anche il sale ha le sue responsabilità quanto a gonfiore addominale e ritenzione idrica; infatti, mangiando snack salati, bisogna ricordare che si favorisce un ristagno di tossine nei tessuti.
.
La Redazione


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA *