Gravedona: parto indolore con gas analgesico

Mag 19, 13 Gravedona: parto indolore con gas analgesico

A Gravedona viene utilizzata davvero una tecnica molto innovativa per ridurre il dolore del parto, ma senza l’uso di aghi o tecniche troppo invasive, sia per la mamma che per il piccolo.

In questa tecnica, particolare importanza riveste il ruolo del gas analgesico. Dopo una breve sperimentazione, questo metodo fa parte delle prestazioni offerte ai pazienti ed è disponibile tutti i giorni, 24 ore su 24.

foto-gas-analgesico.La nuova tecnica, chiamata “partoanalgesia”, si affianca a quelle tradizionali, come per esempio la tecnica epidurale. Saranno le partorienti, in accordo con i dottori, a decidere quale opzione scegliere al momento del parto.

La tecnica comunque è semplicissima: si somministra alle pazienti un gas, chiamato Livopan, composto da metà ossigeno e metà protossido di azoto. Il gas sprigiona effetti lievemente ansiolitici e mediamente analgesici, oltre a aumentare la soglia del dolore. La paziente non viene addormentata, anzi, rimane cosciente e partecipe, scongiurando i pericoli che si incorrono nelle anestesie.

Negli altri Paesi, questo farmaco è quello maggiormente usato per ridurre il dolore del parto da più di un secolo, ma in Italia non se ne fa largo uso, nonostante sia un metodo che non comporta manovre invasive e pochi effetti collaterali, derivati dall’ipersensibilità verso uno o più componenti.

foto-gas-analgesicoNumerosi studi hanno dimostrato che la tecnica è efficace, affidabile e soprattutto sicura sia per la madre che per il neonato, oltre che non incide minimamente sui tempi del travaglio. Non è necessaria la presenza dell’anestesista, bastano solamente le ostetriche.

Per ora, chi vuole usufruire di questa tecnica dovrà recarsi nel territorio di Lecco, Sondrio e Como ma si spera che possa diffondersi in tutta Italia.

.

di Elisabetta Coni


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.