Halloween: come festeggiare in sicurezza

Ott 31, 13 Halloween: come festeggiare in sicurezza

Halloween: come festeggiare in sicurezza. Halloween la famosa festa del “Dolcetto o scherzetto” deriva dalla tradizione americana del “Trick or treat”, espressione tipica che i bambini travestiti pronunciano nel rituale giro per le case alla ricerca di dolci e piccoli doni. L’origine di questo rito è antica e deriva da un’antica usanza risalente al Nono secolo, quando gli adulti vagavano di casa in casa il 1 Novembre chiedendo un po’ di “pane d’anima”. Inutile chiudere i bambini sottochiave ad Halloween, che può risultare per i bambini un’occasione – in più – per divertirsi, giocare e festeggiare ma certo non bisogna ignorare tutti i pericoli che si possono nascondere dietro l’angolo.

Ecco alcuni consigli per organizzare un pomeriggio o una serata – a seconda di quando pensate di saccheggiare le case dei vicini – divertente e sicura.

foto-halloweenPrima missione: i vostri bambini devono essere facilmente identificabili, magari facendoli indossare un portadocumenti da collo sotto il costume, dove avrete scritto nome, cognome, indirizzo e numero di telefono. Anche se si trovano in una festa al chiuso, non si sa mai cosa può succedere, basta un attimo di distrazione per perderli di vista.

Vista l’età, i genitori devono accompagnarli a far dolcetto o scherzetto insieme a loro. Assicurarsi che i bambini ad una festa siano osservati da almeno un paio di adulti affidabili, che i loro costumi non intralcino i movimenti e quindi che possano cadere o farsi male.

foto-sacchetto-halloweenHalloween: come festeggiare in sicurezza. Ai bambini è meglio insegnare alcune regole. La prima è quella di raccogliere i dolcetti ma non mangiarli sul posto, perché saranno i genitori a decidere e soprattutto controllare cosa hanno raccolto. Mai parlare con gli sconosciuti, inoltre, mai allontanarsi dal gruppo o dall’adulto referente. Spiegare quindi ai bambini che non devono entrare per nessun motivo in casa di sconosciuti ma accettare i dolcetti solo davanti alla porta di casa. Devono ringraziare sempre chi gli dona caramelle e dolcetti, rispondere con educazione e in caso di pericolo, cercare di attirare l’attenzione.

Un suggerimento sarebbe quello di fare una breve cernita prima di recarsi di casa in casa nei dintorni, di capire quali case possono essere visitate e quali no.

.

di Elisabetta Coni


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.