Il latte materno prepara l’intestino allo svezzamento

Feb 16, 15 Il latte materno prepara l’intestino allo svezzamento

Da sempre è risaputo il latte materno essere l’alimento migliore per il bebè, ma ecco oggi venire alla luce un altro beneficio dell’allattamento al seno: il latte della mamma prepara il bimbo allo svezzamento, favorendo la formazione di una flora intestinale, che lo aiuta ad adattarsi ai cibi solidi, che sono introdotti nella sua dieta.
Questo infatti quanto rivela uno studio pubblicato sulla rivista “Frontiers in Cellular and Infection Microbiology”, dai ricercatori dell’Università della Carolina del Nord presso Chapel Hill, Amanda Thompson, che spiega con tanto di dati, come aggiungere latte artificiale nell’alimentazione del neonato, cambia la sua flora intestinale, mentre l’allattamento esclusivo al seno, aiuta a rendere più morbida la transizione ai cibi solidi.
foto-allattamentoI ricercatori hanno seguito i cambiamenti della flora intestinale di 9 bambini, di cui alcuni esclusivamente al seno ed altri con l’aggiunta di latte artificiale, dalle prime 2 settimane di vita, fino a 14 mesi, riscontrando come la flora intestinale dei 2 gruppi era molto diversa e confermando come il latte artificiale introduca modifiche al microcosmo di batteri, che alberga nell’intestino del bimbo, specie al momento dello svezzamento.
Con l’introduzione delle prime pappe, emerge infatti che i bebè allattati solo al seno hanno una maggior quantità di batteri della famiglia dei Bifidus, molto importanti per la digestione, e una minore varietà complessiva, di specie rispetto ai bimbi che avevano avuto l’aggiunta di latte artificiale; all’introduzione dei cibi soliti è risultato infatti che i bebè allattati al seno, hanno una flora intestinale più idonea ai processi digestivi.
L’allattamento nei primi 2 mesi di vita ha una grande influenza sulla qualità e stabilità della microflora intestinale, e questo può migliorare e non di poco, la tolleranza agli alimenti solidi durante lo svezzamento; inoltre l’effetto positivo sembra duri fino in età adulta.
L’autore principale dello studio, Andrea Azcarate-Peril, ha sottolineato come tutti i bambini allattati al seno sufficientemente a lungo, hanno un microbiota intestinale pronto all’introduzione di cibo solido, mentre di contro, i bimbi non allattati al seno, possono soffrire di problemi allo stomaco e coliche. Inoltre, non è da sottovalutare, che una buona flora intestinale aiuta a combattere meglio gli agenti patogeni esterni.
foto-bimbo-svezzamento.Lo studio fa riflettere su come il microbiota intestinale si sviluppi molto presto nella vita, ha sottolineato la dottoressa Amanda Thompson; questo significa che i primi mesi sono un periodo molto importante per la salute futura di una persona.
Uno studio che fornisce quindi un’ulteriore conferma alle raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che consiglia di allattare in maniera esclusiva al meno, almeno durante i primi 6 mesi di vita.
.
La Redazione


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA *