Immagini di guerra in tv: mai farle vedere al bimbo da solo

Set 16, 14 Immagini di guerra in tv: mai farle vedere al bimbo da solo

La televisione è un elemento molto importante per tante famiglie, che per “bisogno” o per abitudine la lasciano sempre accesa, intrattenendo così i propri bambini; ebbene ed è in particolar modo proprio a questi genitori ma in generale a tutti i genitori, si è rivolto il presidente del Consiglio nazionale degli psicologi, Fulvio Giardina, esortando un maggiore controllo sulle immagini che i bimbi vedono sul cosiddetto piccolo schermo, in particolare riguardo alle scene violente e drammatiche, a cui i bambini possono essere esposti.
Vivere la guerra e guardarla in tv – ad esempio al telegiornale, in un documentario o in un reportage di guerra – è infatti evidentemente una una condizione completamente diversa, ma che è comunque molto importante controllare, specie se davanti alla tv c’è un bambino che potrebbe restare traumatizzato dalle immagini, come dalle parole riportate da “LaStampa”, del presidente Fulvio Giardina:
foto bimbi jpegE’ importante percepire e possibilmente anticipare le paure e le ansie del bambino, facendogli comprendere che il papà o la mamma gli sono accanto proprio per spiegargli cosa sta accadendo, condividere con lui i sentimenti che le immagini che scorrono nel teleschermo possono suscitare.” e quindi ha sottolineato “Soprattutto è fondamentale non lasciarlo mai solo davanti a scene di violenza, distruzione e morte!”!
La televisione offre infatti tantissimi programmi diversi, che vanno dai cartoni animati per bambini al telegiornale, dai film ai documentari o ai reportage di guerra, a tantissimi altri programmi, tra i quali il bimbo deve imparare a distinguere tra finzione e realtà, senza restare traumatizzato. Come fare?
foto-tvEbbene, è una fase indubbiamente delicata, nella quale è però importante che mamma e papà non mentano mai al bambino, pur stando ovviamente attenti a non impressionarli, dando spiegazioni chiare ad esempio su quanto stà accadendo in questo momento in alcune parti del mondo, usando parole semplici, senza banalizzare e/o forzare ulteriori domande.
Detto questo, va da sé che – per quanto possibile – il bimbo non deve mai stare davanti alla tv da solo e per troppe ore consecutive, pena la mancanza di una corretta cornice affettiva, soprattutto, in quello che è il momento d’incontro più importante per ogni famiglia, ossia la cena, è bene tener presente che l’”informazione” è indubbiamente poco utile alla circolarità del rapporto e della relazione familiare!
.
La Redazione


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.