Influenza 2014: i bambini sotto i cinque anni quelli più a rischio

Gen 18, 14 Influenza 2014: i bambini sotto i cinque anni quelli più a rischio

Influenza 2014: i bambini sotto i cinque anni quelli più a rischio Con la fine delle festività natalizie ed il rientro a scuola, la diffusione del virus influenzale ha subito un vero e proprio picco al rialzo, peggiorando di giorno in giorno.

Questo picco dell’influenza è giustificato dai dati dell’Istituto superiore di Sanità i quali hanno registrato una presenza massiccia all’interno dei reparti di Pronto Soccorso dei nostri ospedali regionali. Difatti tramite il Rapporto Influnet si parla di ben 139mila casi di influenza solo in quest’ultima settimana.

Tra i più compiti ci sono, ovviamente, i bambini con una età inferiore ai 5 anni. Questo perché il loro sistema immunitario è ancora molto immaturo quindi facile ad ammalarsi. Inoltre, dato ormai l’avvicinarsi al picco del periodo influenza, sembra quasi inutile provvedere al vaccino o se si vuole farlo è necessario rivolgersi immediatamente al proprio medico di famiglia e pediatra in modo tale da essere consigliati sui tempi di attesa.

foto-influenzaMa quali sono i sintomi dell’influenza di quest’anno?

Un po’ come per tutti gli stati influenzali si presenta mal di testa, raffreddore, mal di gola, con conseguente bronchite e tosse secca, vomito e diarrea, soprattutto nei bambini, e, insieme alla febbre, i classici dolori articolari. Il tutto dura circa 5-6 giorni.

Non esiste una vera terapia per l’influenza in genere se non i normali antipiretici per tenere la febbre sotto una data soglia e, eventualmente, dei sedativi per calmare la tosse. E’ comunque sempre consigliabile rivolgersi al proprio pediatra il quale, se necessario, potrà provvedere ad una cura antibiotica. Si consiglia sempre di evitare il fai da te.

Oltre ad eventuali medicinali anche l’alimentazione può essere un buon alleato per superare lo stato influenzale nei nostri bambini. Quindi è sempre consigliabile iniziare la giornata con una calda tazza di latte con miele. A pranzo una buona zuppa di verdure o legumi e mai farsi mancare delle gustose spremute di arance oltre ad altri frutti di stagione come kiwi o clementine. Inoltre nella dieta non devono mai mancare alimenti ricchi di probiotici come yogurt o parmigiano, per aiutare la difesa della flora batterica debilitata dalla diarrea.

.

di Anna Chianese


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.