Informazioni sulla pitiriasi rosea

Gen 07, 14 Informazioni sulla pitiriasi rosea

Pediatri e dermatologi visitano quotidianamente bambini e neonati e diagnosticano frequentemente la pitiriasi rosea. In un primo momento la diagnosi non è particolarmente facile ma con dei semplici test e un po’ d’esperienza si riesce a identificare con correttezza questa patologia che colpisce l’epidermide.

Questa malattia può verificarsi a qualsiasi età ma è più comune nelle persone tra gli 8 e i 20 anni ma non trascura affatto i bambini più piccoli. Appare solitamente come un’eruzione cutanea che può durare da alcune settimane a diversi mesi. Non lascia danni, cicatrici e macchia permanenti anche se in alcune persone la durata della malattia potrebbe essere più lunga.

foto-pitiriasi-roseaLa pitiriasi rosea inizia spesso con un unico grande punto rosa sul petto o sulla schiena. Questa macchia è denominata araldo patch. Successivamente seguono altre macchie più piccole sul corpo, sulle braccia e sulle gambe. Possono presentarsi talvolta anche sul collo e raramente sul viso. La metà dei pazienti soffre in concomitanza anche di prurito soprattutto nelle calde giornate estive.

L’eruzione di solito scompare spontaneamente in circa sei settimane. L’attività fisica e l’acqua calda possono peggiorare la situazione per cui si sconsiglia assolutamente l’applicazione di impacchi caldi. In alcuni casi le macchie possono tornare dopo diverse settimane e costituiscono una sorta di ricaduta.

La causa è sconosciuta: si sa solitamente che non è causata da funghi, batteri o reazioni allergiche e, come sempre , quando le cause sono sconosciute, alcuni dermatologi attribuiscono la comparsa ad un virus.

La diagnosi è di solito fatta attraverso osservazione diretta, ma a volte è difficile perché le lesioni possono variare da persona a persona per dimensioni e numero. A volte può essere confusa con infezioni fungine o reazione ad alcuni farmaci come gli antibiotici.

foto-pitiriasi-rosea-bambiniIn alcuni casi gravi, i dermatologi hanno testato con successo l’esposizione moderata al sole, il trattamento con successo raggi ultravioletti, antibiotici o farmaci antivirali.

Sebbene la pitiriasi rosea sia una patologia che guarisce spontaneamente, una diagnosi preventiva permette che non vi siano complicazioni alla malattia.


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.