La bronchite acuta nel bambino

dic 01, 12 La bronchite acuta nel bambino

Nella stagione fredda è molto frequente nel bambino almeno un episodio di bronchite acuta, ossia un’infiammazione della parete interna mucosa dei bronchi, i condotti che portano l’aria inspirata dal naso ai polmoni per cedere ossigeno al sangue.

Molto spesso la bronchite è una complicazione di altre infiammazioni delle prime vie aeree superiori come raffreddore, laringiti e tracheiti. I sintomi della bronchite di solito guariscono spontaneamete in meno di 15 giorni anche senza terapia ma la tosse può perdurare anche più a lungo.

I principali agenti che la causano sono infettivi e possono essere sia virali che batteriche:

  • FOTO BRONCHITE ACUTAadenovirus e coronavirus;
  • virus del raffreddore (rinovirus) e dell’influenza e virus parainfluenzali;
  • virus respiratorio sinciziale umano;
  • coxsackie A21, micoplasma pneumonie e chlamydia pneumonie.

Spesso associata a virus di rosolia morbillo o come complicanza all’infezione della tossina che causa la pertosse, un caso particolare è dato dalle bronchiti causate da reflusso gastroesofageo, che spesso si hanno sovrainfezioni di tipo batterico che complicano il quadro generale della patologia spesso da streptococchi o pseudomonas.

Ecco i sintomi comuni della malattia:

  • foto tossetosse continua che inizia spesso come secca e in seguito diventa produttiva di muco;
  • tosse è esacerbata dalla posizione sdraiata, dal freddo e dal fumo inalato( la tosse è importante per l’espettorazione del muco);
  • malessere generale spesso accompagnato da febbre, brividi e debolezza con scarso appetito da parte dei bambini e svogliatezza generale;
  • nei bambini più piccoli la tosse porta anche ad accessi di vomito o conati durante l’atto stesso;
  • mal di gola e raffreddore presenza di sinusite faringite o afonia e lacrimazione importante;
  • asma o difficoltà respiratorie;
  • mal di schiena e dolori muscolari o toracici;
  • catarro che diventa purulento per sovrainfezione batterica.

E’ opportuno quindi consultare il pediatra:

  • foto pediatra bimbose la tosse non migliora;
  • se il bambino è molto piccolo;
  • se la febbre è elevata o il respiro diventa sibilante;
  • se il bambino ha dolore forte al petto;
  • in seguito a morbillo o pertosse o rosolia

Quanto invece alle complicazioni che possono derivare, parliamo di polmonite o broncopolmonite, oppure di pleurite, un’infiammazione della pleura con possibile versamento pleurico.

Il trattamento per la bronchite acuta, sarà ovviamente deciso dal pediatra di fiducia, che spesso somministrerà al bambino un farmaco per aerosol e/o un mucolitico ma in ogni caso è bene:

  • foto aerosolmai somministrati antibiotici fai da te, spesso sono inutili se non dannosi;
  • per gli antipiretici contro la febbre, come il paracetamolo, tener presente il peso del bambino;
  • favorire una maggiore assunzione di liquidi, sia in presenza di febbre o meno, per fluidificare le secrezioni ed evitare la disidratazione;
  • non dare antistaminici ai bambini o sedativi della tosse senza controllo medico;
  • l’ambiente in cui soggiorna il bambino deve essere adeguato, non troppo secco ma umidificato,
  • evitare di far uscire di casa il piccolo paziente;
  • non svegliare il bambino se sta riposando (deve riprendere le forze) e non coprirlo troppo per non farlo sudare;
  • se di notte si accentua la tosse, mettere dei cuscini sotto la testa del bambino per tenerlo sollevato ed aiutarlo a respirare meglio.

Di Roberta Tonini


0 Comments

Trackbacks/Pingbacks

  1. upnews.it - La bronchite acuta nel bambino... La stagione fredda è ormai arrivata, quanto meno al nord Italia e con questa le classiche …

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


quattro − 3 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>