La fiaba dei tre porcellini: significativa, educativa ed esorcizza le paure

ott 08, 12 La fiaba dei tre porcellini: significativa, educativa ed esorcizza le paure

E’ talmente universale e conosciuta la fiaba dei tre porcellini che mi sembra strano parlare di lei … chi non la conosce da quando Walt Disney, ne ha creato una saga a fumetti dove il piccolo lupetto è amico dei porcellini: questa trasposizione non ha nulla a che fare con il racconto originale ma ha reso il lupo e i porcellini conosciuti a tutti.

Come tante fiabe dei fratelli Grimm anche questa ha un significato apparente e uno più sottile ed educativo che permette l’identificazione e l’esorcizzazione delle paure. Le fiabe hanno un ruolo molto importante per i piccoli hanno il potere di esorcizzare tramite personaggi cattivi le loro paure: così come universalmente la matrigna in ogni fiaba, può facilmente rappresentare ad esempio la parte “cattiva” della mamma, che sgrida e fa arrabbiare i bambini!

Foto lupoI tre porcellini di Grimm è una fiaba che amano soprattutto i piccoli intorno ai tre anni per poi abbandonarla con la crescita e “fissarsi” con altre fiabe. La fiaba inizia con i tre porcellini soli senza i genitori, che non li hanno abbandonati ma non ci sono perché i piccoli piano piano in autonomia iniziano a staccarsi da loro: questo è infatti il motivo per cui piace tanto intorno a quell’età questa fiaba, perché intorno ai tre anni i bambini iniziano autonomamente a voler fare le cose da soli.

La mamma consapevole di ciò, li allontana e vedendoli grandi li sprona a costruire la loro casa da soli e vivere in autonomia ma li invita a stare attenti al lupo che si nutre di porcellini e li raccomanda quindi, di stare uniti e costruire una casa resistente ai suoi attacchi. I tre fratellini però si separano, perché i due più piccoli non vogliono lavorare duramente ma vogliono prima di tutto giocare.

Foto porcellini lupoL’indolenza e la pigrizia fanno costruire al più piccolo dei tre una troppo fragile ma veloce capanna di paglia che non si rivela efficace agli attacchi del lupo che con un solo soffio abbatte la capanna…occorreva giocare meno e lavorare di più…ma nel frattempo che lo capisce scappa nella capanna del porcellino mezzano.

Il secondo porcellino si rivela un po’ più maturo del primo ma non abbastanza per dedicarvi tempo e fatica da sottrarre al gioco e quindi anche questa non resiste agli attacchi del lupo.

Solo il porcellino Tommy il più grande e per questo suo processo di crescita anche il più saggio, sa posticipare gli eventi importanti al gioco ed al divertimento, a un momento posteriore e per prima cosa si impegna a costruire una solida casa in mattoni, faticando e questa si rivelerà una solida casa antilupo per se e per i suoi fratellini. Tutti e tre i fratellini si rifugiano in questa casa dopo che il lupo ha spazzato le prime due ma l’astuzia del lupo è tale che tenta di entrare dal camino. Anche questo attacco viene battuto e sventato dal porcellino più grande che lascia il camino acceso…e batte il lupo con soddisfazione e divertimento!!!

Foto porcellini lupo casa mattoniI tre porcellini possono essere intesi non solo come tre fratellini ma anche rappresentare lo sviluppo dello stesso bambino che impara attraverso la crescita a posporre il principio del divertimento e del giocare come unico scopo e inizia a pensare e riflettere sulle conseguenze e agire con razionalità propria del suo sviluppo.

C’e’ un grande insegnamento anche sull’anima, solo con la fatica, la perseveranza e la costanza si creerà qualcosa di solido e duraturo per il futuro in grado di permettere di affrontare il mondo esterno e le sue minacce.

Per tutti coloro che non si accontentano comunque solo della fiaba scritta e letta da mamma e papà, ecco qui il Video de “I tre porcellini” nella sublime versione Walt Disney, del 1933 col doppiaggio originale e … buona visione e buon ascolto!!!

Di Roberta Tonini

 


Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove + 3 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>