L’affido spiegato ai bambini: “Una ViceMamma per la Principessa Martina”

Lug 15, 13 L’affido spiegato ai bambini: “Una ViceMamma per la Principessa Martina”

Un libro nato qualche anno fa dalla collaborazione tra Carthusia Edizioni e il Settore Politiche Sociali della Provincia di Milano è ancora attuale e più che mai significativo per chi voglia affrontare il tema dell’affido con un bambino piccolo.

Una ViceMamma per la Principessa Martinacon testo di Beatrice Masini e illustrazioni di Donata Montanari racconta la storia di una regina triste e di un re in guerra che non possono occuparsi dei loro due figlioletti, la principessa Martina e il principino Alvise. Il libro spiega con molta delicatezza le vicissitudini di questa famiglia reale che si ritrova a convivere con la lontananza del papà-re e con la cronica apatia della mamma-regina e nel mezzo ci sono due bimbi soli che chiedono attenzioni.

foto-vicemamma-principessa-martinaIn verità è Martina, la primogenita, a chiedere aiuto al Ministro. Alvise infatti, il secondogenito, è ancora così piccolo che non cammina e nemmeno parla. Il Ministro capisce il bisogno della principessa e le suggerisce di cercare una Vicemamma che possa stare con lei e Alvise finché il re e la regina non risolveranno i loro problemi. Martina, con l’aiuto del Ministro, distribuisce in tutto il regno un avviso nel quale spiega di essere alla ricerca di una Vicemamma per sé e per il piccolo Alvise. Sullo sfondo, accanto al Ministro che ascolta i bambini e le loro necessità, c’è un Consigliere criticone che non piace per nulla a Martina. A palazzo giungono molte donne intenzionate ad assumere l’importante compito richiesto nell’avviso e così i principini “provano” diverse Vicemamme prima di trovare quella giusta. La scelta cade infine sulla contadina Dorissa, una donna e mamma di due figli partiti per la guerra nell’esercito del re. Dorissa, interrogata da Martina, spiega di poter offrire ai principini una sola cosa: l’affetto. Il posto di Vicemamma è suo.

Dorissa sa fare tante cose: racconta storie meravigliose, canta volentieri, cucina zuppe squisite, ama stare all’aperto e non ha paura degli animali. Soprattutto è capace di voler bene ai bambini e li coccola, li prende in braccio, li rassicura al momento della buonanotte. Dorissa accompagna i principini a vedere la mamma ma la regina Amelia è ancora molto triste e non riesce a stare con i suoi bambini. Dorissa dice che la mamma sembra quasi stregata. Martina ha un’idea: forse nel regno c’è qualcuno che vuole che la sua mamma stia così male. Grazie all’aiuto del Ministro, Martina scoprirà che è proprio il Consigliere di corte la persona che sta provocando il disagio della regina. Smascherato, il Consigliere viene cacciato e la regina piano piano recupera il sorriso e la voglia di vivere. Amelia riabbraccia i suoi bambini e decide di partire alla ricerca del marito: ormai è tornata ad essere una donna capace di superare le difficoltà. Giunta nella terra dei Giganti, Amelia combatte e vince il nemico, riuscendo infine a liberare suo marito e i soldati caduti prigionieri in battaglia. Il re e la regina tornano trionfanti a palazzo e insieme a loro ci sono anche i due figli soldati di Dorissa che finalmente possono riabbracciare la loro mamma. La contadina sa che è il momento di salutare la famiglia reale perché ormai i principini hanno ritrovato una mamma e un papà che li possono crescere con cura. Poi, chissà, nel mondo magari esistono altri bambini che hanno bisogno di una vicemamma per un po’!

foto-vicemamma-principessa-martina..La storia della principessa Martina e del suo fratellino offre l’occasione per trattare l’argomento dell’affido con una modalità sensibile e attenta ai bisogni dei più piccoli. Con parole semplici e senza ansia viene descritta la tristezza di questa mamma-regina che non riesce più a giocare con i suoi bambini. Con la stessa naturalezza viene esplicitato il bisogno di Martina di avere accanto un adulto che sappia prendersi cura di lei (e del piccolo Alvise). I passaggi della vicenda sono scanditi dal carattere fiabesco che caratterizza la storia ma che comunque non offusca le tappe significative che portano la famiglia reale a riscoprire le proprie potenzialità e a viverle per tornare ad essere un nucleo felice. La figura di Dorissa spicca per la sua semplicità ed è un personaggio che entra in scena nel momento del bisogno ma che riesce alasciare la scena quando le cose trovano un nuovo e positivo equilibrio.

Un libro che parla di sentimenti chiamandoli per nome e che non corre il rischio di essere frainteso: un augurio per chi vuole dare aiuto e per chi lo ricerca. Un racconto di speranza per chi, in un momento di difficoltà, non riesce ad essere quel che vorrebbe o non riesce a fare del bene per sé e per gli altri.


Masini Beatrice – Montanari Donata:

Editore: Carthusia;

Anno pubblicazione: 2002:

Numero pagine: 31:

ISBN: 9788887212105;

Collana: Ho bisogno di una storia.

 .

di Alessandra Banfi


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.