Lidl in Svizzera toglie i dolci e snack dalle casse e mette la frutta

Ott 23, 14 Lidl in Svizzera toglie i dolci e snack dalle casse e mette la frutta

Grandi novità che arrivano dalla vicina Svizzera, ove alle casse dei supermercati Lidl, dolciumi, come barrette di cioccolato, caramelle, chewing-gum e snack vari che da sempre attirano in primis i bambini, spariranno e saranno sostituiti da alimenti ben più salutari, come la frutta a guscio e la frutta essiccata!
Si si, avete capito bene, perchè con il nuovo progetto “cassa alternativa“, la catena dei supermercati Lidl in Svizzera, toglie i dolci e snack dalle casse e mette la frutta, mettendo così al bando dalle casse, tutti quei prodotti che rappresentano la cosiddetta tentazione “dell’ultimo minuto”, alla quale resistere è difficile e che contribuisce, a dare vita ad abitudini alimentari poco salutari.
foto-lidl-svizzeraAbitudini alimentari per correggere le quali, Lidl ha intenzione di offrire delle valide e gustose alternative, ad iniziare dalla cassa principale, ossia quella più frequentata e quindi ad oggi, più ricca di tentazioni, con un’altrettando ricca alternativa, ove accanto a frutta e verdura resca o secca – che alle casse in Svizzera a dirla tutta, non sono una novità – i clienti troveranno alimenti naturali, bevande salutari e prodotti non alimentari.
Un progetto quello Svizzero di Lidl, che si rifà alla strategia già adottata in Gran Bretagna da ben 600 supermercati della catena Tesco, partita dopo che un sondaggio rivolto alla clientela, ha rilevato che ben il 68% delle mamme e dei papà, aveva confessato di cedere alle richieste dei propri bambini in cassa, di fronte a snack e cioccolatini vari.
foto-fruttaUn progetto quindi che mira a limitare gli acquisti compulsivi e dannosi, in cassa, come hanno spiegato i portavoce della catena di supermercati Lidl, che pur di offrire un’alternativa sostenibile ai propri consumatori, sono disposti ad accettare quella che sarà all’inizio un’inevitabile perdita nelle entrate economiche:
“In più, con l’introduzione di una cassa alternativa noi rispondiamo al desiderio di molti genitori per cui fare la spesa con i bambini non sarà più sinonimo di stress. Ora la nostra clientela avrà un’opzione alternativa”.
Uno splendido progetto che coinvolgerà tutta la Svizzera con i 95 punti vendita, Lidl, che non sarebbe male se arrivasse anche in Italia, non credete anche voi?
.
La Redazione


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA *