L’importanza dell’idratazione dei bimbi nelle giornate afose

Lug 19, 13 L’importanza dell’idratazione dei bimbi nelle giornate afose

L’estate sembra finalmente arrivata e con questa il caldo che in determinati giorni ed in certe zone diventa persino eccessivo ed afoso. Diventa così in questi casi, molto ma molto importante per i genitori prendersi cura dei bambini per ciò che riguarda la loro idratazione. Per questo motivo la Società Italiana di Nutrizione Pediatrica, ha deciso di elaborare una sorta di linea giuda su come comportarsi con i  bambini in questo caso.

Come prima cosa ricordiamo che i bambini non hanno la sensazione della sete sviluppata come quella degli adulti, per questo motivo è compito del papà e della mamma quello di offrire l’acqua al proprio bimbo. E’ necessario che il bambino bevi almeno 1,5 litri d’acqua al giorno per essere idratato correttamente. Difatti i bambini tendono a perdere più liquidi degli adulti ed il loro corpo ci mette più tempo per raffreddarsi. Per questo è sempre un bene sia controllare i liquidi eliminati dal bambino sia idratarli spesso, magari avendo sempre in dotazione una bottiglietta d’acqua pronta all’uso.

FOTO-BIMBI-GIORNATE-AFOSEMa l’idratazione non viene solo dall’acqua, ma anche da alimenti come yogurt e cibi freschi, cioè frutta e verdura. Si sa che i bambini non amano molto – in genere – la verdura, rifiutandosi letteralmente di mangiarla. A tal proposito un ottimo consiglio viene dal dott. Giovannini, professore dell’Università di Milano e presidente della Società Italiana di Nutrizione Pediatrica, il quale consiglia: “Uno stratagemma è cercare di preparare i piatti con fantasia, variando gli alimenti anche nei colori, che rappresentano le sostanze ad azione antiossidante (vitamine, polifenoli ecc) in essi contenuti, moderando il consumo di pietanze troppo elaborate e ricche di grassi”.

foto-frutta-verduraInoltre è bene tenere sempre sotto controllo quelli che possono essere i campanelli d’allarme di un possibile inizio di disidratazione: mal di testa, aumento della temperatura corporea, sonnolenza, nausea, confusione mentale, irritabilità e mancanza di appetito.

E voi, mamme e papà, quale stratagemma utilizzate? Come idratate il vostro bambino?

.

di Elisabetta Coni


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.