Mamma mette il burka per salvare la figlia

Ago 08, 13 Mamma mette il burka per salvare la figlia

Ecco cosa è stata disposta a fare una mamma per sua figlia: si è vestita dalla testa ai piedi in abito islamico e ha nascosto il viso dietro un velo per riuscire a riprendersi la figlia dal padre egiziano che l’aveva rapita.

Alex Abou-El-Ella, 29 anni, di Slough, Berkshire, ha rischiato il tutto per tutto per salvare la figlia Mona  di tre anni, dopo due anni che il marito l’aveva portata via dalla Gran Bretagna per condurla al suo paese d’origine. Lei ha ignorato gli avvertimenti del Foreign Office affinché non si recasse nel paese, dove ci sono disordini civili: ha rintracciato la sua bambina e si è travestita per riuscire a riprendersela.

foto-mamma-burka.La donna ha deciso di mettersi l’abito islamico e il velo e di andare a riprendersi sua figlia nel paese d’origine del marito, anche grazie all’aiuto di Donya Al-Nahi, una donna soprannominataJane Bond” in quanto aiuta le donne con i figli portati via dai padri arabi.

Con l’aiuto della signora Al-Nahi, la mamma ha rintracciato la scuola materna frequentata da Mona, oltre che il condominio dove viveva con la famiglia paterna. Le due donne avevano arruolato un autista di fiducia e si erano appostate di guardia dalla prima mattina. Quando Mona apparve con una zia e un’altra persona, entrarono in azione: nonostante l’abito islamico la rendesse molto goffa nei movimenti, la donna scese dall’auto, afferrò la bambina e corse veloce verso la macchina.

foto-mamma-burka..La donna essendo nata in Polonia e vivendo in Gran Bretagna, ha utilizzato il passaporto polacco appartenente a sua figlia maggiore, in modo da nascondere il cognome egiziano della bambina, ha corrotto un funzionario per farla salire in un volo per Londra e per fare in modo che Mona rientrasse legalmente nel Regno Unito.

 .

di Elisabetta Coni

 


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.