Metodo Montessori: la scatola dei misteri per riconoscere gli oggetti

Mar 09, 16 Metodo Montessori: la scatola dei misteri per riconoscere gli oggetti

Mai sentito parlare della scatola dei misteri del Metodo Montessori per riconoscere gli oggetti? No? Si tratta di uno strumento molto utile tramite cui il bambino impara a riconoscere gli oggetti, divertendosi. Ma andiamo meglio a scoprire di cosa si tratta e come costruirla

La scatola dei misteri del Metodo Montessori per riconoscere gli oggetti, è infatti un gioco educativo e molto gratificante, che può essere costruito in modo facile e veloce a casa – o a scuola – senza spendere praticamente nulla, impiegando “semplicemente”, oggetti già in proprio possesso, comuni o meno, rendendo l’attività ancor più divertente.
foto-scatola-misteri-metodo-montessoriOggetti, che possono essere giochi o materiali educativi, in grado di stimolare la curiosità e la manualità del bambino, fornendo utili spunti per l’apprendimento. Come infatti dalle parole di Maria Montessori:
“L’educazione è un processo naturale effettuato dal bambino.” quindi precisa che “Non la si acquisisce ascoltando delle parole ma grazie alle esperienze condotte in un ambiente adatto”.
E proprio partendo da questo punto di vista, il metodo Montessori suggerisce di realizzare una scatola magica, nella quale inserire oggetti di dimensione, forma e consistenza diversa, per stimolare la curiosità dei bambini, che impareranno a riconoscere gli oggetti, imparando a sfruttare il proprio senso del tatto, anziché dando ascolto a lunghe spiegazioni con parole, ben poco pratiche.
Ma ecco come realizzare la scatola dei misteri del metodo Montessori, dando vita ad una sorta di gioco degli indovinelli, grazie a:

  • una scatola di cartone;
  • più oggetti molto diversi tra loro per consistenza e dimensione;
  • un paio di forbici ed un taglierino;
  • una matita;
  • scotch per chiudere la scatola.

Per costruire la scatola dei misteri, ecco quindi mamma come procedere passo-passo:

  • anzitutto prendere una scatola di cartone, possibilmente rettangolare, quindi distenderla, lasciando davanti al bimbo il lato minore e su questo andare a disegnare con la matita, la forma di un bicchiere da tavola abbastanza grande, onde creare due fori nei quali il bimbo possa inserire facilmente le mani per raggiungere gli oggetti che andranno messi nella scatola;
  • foto-come-fare-scatola-dei-misteri-metodo-montessoripraticare quindi i fori lungo la linea appena tratteggiata con i bicchieri, utilizzando a piacere le forbici, oppure il taglierino;
  • chiudere quindi per bene il fondo della scatola con lo scotch;
  • attenzione, scegliere una scatola con un coperchio, rende indubbiamente più facile disporre gli oggetti al suo interno, nel posto giusto;
  • quanto agli oggetti che si possono inserire nella scatola, ecco qualche idea: una pigna, un cucchiaino da tavola, una piuma, un batuffolo di cotone, un fazzoletto di cotone, un pettine, una spazzola, una chiave, una noce, una banana, un’arancia, una mela, o molto altro.

Quanto quindi a come procedere con il gioco, dopo aver mostrato tutti gli oggetti, uno ad uno al bambino, chiamandoli in modo chiaro con il loro nome, procedere a nasconderli nella scatola ed iniziare il gioco: il bambino dovrà riconoscere gli oggetti ed indovinarli, solo grazie al tatto.
Adatto in particolar modo ai bimbi dai 2 ai 4 anni, la scatola dei misteri, insegna ai bimbi a riconoscere gli oggetti che si utilizzano nella vita quotidiana, grazie al tatto.


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.