Moda: tatuaggi col nome dei propri figli

Nov 13, 13 Moda: tatuaggi col nome dei propri figli

Moda: tatuaggi col nome dei propri figli. Tatuarsi ormai è diventata la normalità. Si fa per celebrare un evento importante, e certamente la nascita di un figlio lo è. C’è chi si tatua per la prima volta proprio per simboleggiare il suo ingresso nel mondo dei genitori, c’è chi invece, già abbondantemente tatuato, aggiunge solo un ‘segno’ in più alla sua collezione. hi ha intenzione di farsi un tatuaggio, però, deve sapere alcune cose fondamentali.

Prima di tutto, quando farlo. E’ assolutamente sconsigliato farlo durante il periodo della gravidanza e dell’allattamento, in quanto bisogna considerarlo come se fosse una ferita aperta, veicolo ideale per batteri, virus e quant’altro. Inoltre, non è salutare farsi iniettare inchiostro indelebile sottopelle quando si allatta. Stessa cosa se il fisico è debilitato e si hanno infezioni e imperfezioni della pelle nella zona da tatuare (acne, dermatiti, arrossamenti, lentiggini, nei, ecc…).

FOTO-TATUAGGI-NOMI-BIMBIIl secondo punto cruciale è la posizione, strettamente correlata al dolore e alla grandezza del soggetto. Anche se si ha una forte resistenza fisica, è bene scegliere zone abbastanza ‘carnose’ se si è al primo tatuaggio, come dietro alla spalla o al polpaccio. In pratica, dove la pelle diventa sottile (vedi caviglia, zona costole o sopra al piede) si soffre di più.

Certo, è una questione di gusti e di esigenze: se non lo so vuole far vedere (e lo si vuole vedere spesso), è consigliabile farlo in zone tipo dietro le orecchie, dietro alla spalla, dietro alla schiena, ecc., altrimenti, via libera alle gambe, alle cosce e, perché no, anche sul braccio e avambraccio.

Ponderare bene la scelta del soggetto: è una cosa che si porta per tutta la vita, quindi è bene non farsi prendere dalla moda del momento e dai disegni strani: la cosa migliore è fare una bella ricerca su Internet e scegliere un disegno da poter personalizzare, magari inserendo le iniziali del bimbo (una leggenda dice i non scrivere i nomi delle persone amate, perché porta sfortuna!).

FOTO-TATUAGGI-NOMI-BIMBAModa: tatuaggi col nome dei propri figli. Un bravo tatuatore prima farà uno schizzo su carta trasparente: dopo l’approvazione, provvederà a  trasferire il disegno sulla pelle e a procedere col tatuaggio, usando rigorosamente aghi monouso, indossando guanti chirurgici e sterilizzando al massimo l’ambiente. Una volta finito, provvederà a stendere un velo di vaselina e a coprire con un piccolo pezzo di pellicola la parte. A seconda della grandezza del tatuaggio, le cure devono essere mirate.

Intanto, almeno per una settimana, è meglio stare attenti a non prendere urti e a non graffiarsi, perché si potrebbe rovinare il disegno, ed è vietato farsi scrub, cerette, usare rasoi e ‘torturare’ la pelle. Sì all’igiene: non è un problema farsi a doccia o il bagno, basta lavarsi con sapone neutro e usare acqua non troppo tiepida, e inoltre è bene far respirare il tatuaggio, nel senso che è meglio non bendarlo ogni volta che si mette la vaselina, a meno che la zona non sia estesa e si teme di sporcarsi i vestiti o le lenzuola quando si va a letto. Se la parte si gonfia, fa male o si irrita, è meglio rivolgersi a un medico.

.

di Elisabetta Coni


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.