Omogenitorialita’: la lettera di Cameron e la dichiarazione della Regina Elisabetta

Mar 13, 13 Omogenitorialita’: la lettera di Cameron e la dichiarazione della Regina Elisabetta

Se siete preoccupati per il benessere dei figli di coppie omosessuali, posso dirvi che sto benissimo.

Sono molto amata. Tutti mi dicono che sono una bambina fortunata. Le mie madri sono la mia vita. Studiamo insieme prima di ogni interrogazione e si accertano che io vada bene a scuola. Sono stata la migliore della mia classe lo scorso anno e ogni sei settimane finivo nella Lista di Onore del Preside.

Gioco a calcio e al momento attuale mi sto allenando per il Programma di Sviluppo Olimpico il che significa che le mie mamme dedicano la maggior parte dei loro fine settimana a viaggiare per tutto lo stato perché io possa giocare con altre squadre. Gioco anche a tennis. Un paio di anni fa ho raccolto circa duecento palloni da calcio per inviarli in Liberia ai bambini che non li hanno. Ho molti amici che vogliono bene alle mie mamme. Nessuno ha mai litigato con me.

Tutto va veramente bene.

foto corte suprema usaPossiamo solo immaginare la faccia stupita dei nove giudici della Corte Suprema americana quando hanno ricevuto per posta queste righe, la lettera di Cameron, bambina di appena 11 anni, che li invita a rendere legale il matrimonio gay in America.

Nove lettere indirizzate e spedite ai nove giudici della Corte Suprema che decideranno se rendere legali o meno i matrimoni gay in tutta l’America. La piccola Cameron racconta, in poche righe, la sua vita con le due mamma e di come il loro amore, che dura da ben 26 anni, la renda felice. La bambina invia anche delle foto di lei con le sue due mamma per confermare che “tutto va veramente bene.”

Tra tutti i giudici solo Sonia Sotomayor ha risposto alla piccola Cameron ma non si è sbilanciata più di tanto ma ha detto alla piccola di aver letto la sua lettera. Dopo le parole di Obama e quelle di Bill Clinton anche l’undicenne Cameron si unisce al coro di americani che chiede a gran voce alla Corte Suprema di legalizzare i matrimoni gay.

Buone notizie anche dall’Inghilterra dove anche la Regina Elisabetta si è schierata dalla parte degli omosessuali firmando a Marlborough House davanti a 54 capi di Stato del Commonwealth, una dichiarazione per la difesa dei diritti di genere.

foto regina elisabettaLa dichiarazione che sarà un “impegno morale” per tutti gli Stati del Commonwealth, che riunisce le nazioni dell’ex impero britannico che ancora riconoscono l’autorità dei sovrani inglesi.

Descritto come “la Magna Carta del ventunesimo secolo”, il documento recita: “Ci opponiamo in modo risoluto a tutte le forme di discriminazione, che siano esse di genere, di razza, di colore, di credo, di opinione politica o di altro tipo”. Neanche questa volta si parlerà in modo esplicito di omosessualità, ma è stato lo stesso Buckingham Palace a pubblicizzare l’evento come “un passo in avanti nel campo dei diritti degli omosessuali”. 

Seppur tardivamente, anche la regina ci è arrivata… Come si sul dire: “meglio tardi che mai!”

Di Sara Kay

 


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.