“Ospedale senza dolore”, la nuova campagna solidale del Bambin Gesù

Dic 12, 14 “Ospedale senza dolore”, la nuova campagna solidale del Bambin Gesù

E’ partita la nuova campagna solidale dell’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù, “Ospedale senza dolore”, che sarà attiva fino al prossimo 21 dicembre, con l’intento di raccogliere fondi per una tac multistrato.
Una campagna che è possibile sostenere, donando 2,00 euro tramite un sms solidale; un piccolo ma importante importo, che rende possibile l’obiettivo della campagna, ossia raccogliere un milione di euro, che saranno investiti nell’acquisto appunto di una nuova tac multistrato, per la sede di Palidoro.
La nuova Tac è un apparecchio di ultima generazione, che permette di limitare notevolmente il ricorso all’anestesia, in quanto consente di visualizzare in maniera dettagliata gli organi interni del corpo umano e le strutture vascolari, con una grande velocità di acquisizione dei dati, foto-bambin-gesùriducendo così significativamente il tempo dell’esame e di conseguenza, la necessità di ricorrere a farmaci anestetizzanti, obbligatori con quei pazienti che non riescono a restare fermi per un lungo periodo.
Tutti coloro che vogliono sostenere la campagna “Ospedale senza dolore”, fino al prossimo 21 dicembre possono donare 2,00 euro inviando un sms al numero solidale 45505, messo a disposizione dagli operatori di telefonia Tim, Vodafone, Wind, Tre, PosteMobile, CoopVoce e Noverca, Telecom Italia, Infostrada, Fastweb, TeleTu e TWT; ma non è tutto.
Fino al prossimo febbraio 2015 inoltre, sarà possibile sostenere “Ospedale senza dolore” anche con un bonifico bancario, Intestato a Fondazione Bambino Gesù Onlus, indirizzato all’IBAN IT 88J 02008 05365 000400215758 – Agenzia 61 Unicredit Banca di Roma, indicando nella causale “Progetto Ospedale senza dolore” e ancora, attraverso il conto corrente postale intestato a Fondazione Bambino Gesù Onlus n. 1000425874, indicando nella causale “Progetto Ospedale senza dolore”.
foto-bambin-gesù.Ma ecco infine di seguito, il video realizzato per promuovere la campagna solidale, visibile cliccando QUI.
.
La Redazione