Papa’ lascia il lavoro per vegliare la figlia disabile a scuola

Ott 13, 14 Papa’ lascia il lavoro per vegliare la figlia disabile a scuola

Storia incredibile pubblicata fa “Repubblica”, che arriva da Santeramo in Colle, un comune di circa 27.000 abitanti in provincia di Bari, nella bella regione della Puglia, ove un padre resta nella sua automobile tutte le mattine, durante tutti i giorni di scuola e resta paziente fuori dall’istituto scolastico frequentato dalla figlia, per vegliare sulle condizioni di salute della sua bambina, o per meglio dire della sua giovane donna, la sua Claudia!
Ebbene si, perchè il signor Gaetano Di Gregorio è un papà che per amore della propria figlia ha fatto una cosa davvero incredibile, specie considerando l’infelice condizione economica nella quale versa da diverso tempo il nostro paese: papà lascia il lavoro per vegliare la figlia disabile, a scuola pronto ad intervenire in caso Claudia, abbia bisogno!
foto-papà-gaetanoPapà Gaetano Di Gregorio, di professione meccanico infatti, ha lasciato il suo lavoro per vegliare la figlia disabile a scuola; una ragazza Claudia, ammalata di una patologia sconosciuta, una malattia degenerativa, che da un anno la costringe a vivere su una sedia a rotelle ed a respirare grazie ad una valvola tracheotomica.
Claudia frequenta infatti il liceo scientifico industriale a Santeramo e ogni giorno suo padre la accompagna a scuola e la aspetta fuori in macchina, fino alla fine delle lezioni; ogni tanto però sale in classe per assicurarsi che la figlia stia bene e per assisterla, come confessa a “Il Mattino”:
“Potrebbe esserci un infermiere” spiega ed aggiunge “ma non vorrei che si sentisse abbandonata”.
Gaetano Di Gregorio infatti ha lasciato il lavoro, ormai lavora solo durante l’estate quando la moglie che fa l’insegnate, è a casa e può occuparsi quindi lei di Claudia; hanno un altro figlio, più grande di Claudia, che frequenta peraltro il quarto anno nello stesso liceo della sorella.
foto-sedia-rotelleClaudia si è ammalata improvvisamente, è entrata in coma e quando si è ripresa non era più la stessa e fino ad oggi, a dispetto dei vari specialisti consultati in tutta Italia, non esiste ancora una diagnosi che individui la patologia di cui soffre la ragazza, che oggi non cammina più; una triste realtà che papà Di Gregorio, come rivela “Il Mattino”, spera presto cambi è che uno scienziato studi il caso di sua figlia e sappia fare una diagnosi, trovando la terapia giusta per la sua Claudia.

.
La Redazione


2 Comments

  1. gabry /

    Meravigliosa storia e atupenda prova d amore che solo un genitore puo’ dare e provare…

    • admin /

      Concordo in pieno con le tue parole Gabry <3
      Grazie del tuo commento!

      Un abbraccio

      La Redazione
      Bambinizerotre

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA *