Sabato 27 settembre: raduno dei “siblings”, fratelli e sorelle di disabili

Set 25, 14 Sabato 27 settembre: raduno dei “siblings”, fratelli e sorelle di disabili

Nato 15 anni fa, per aiutarsi a vicenda attraverso l’auto-mutuo-aiuto, il Gruppo Siblings, il prossimo sabato, 27 settembre rinnoverà il suo impegno e vedrà centinaia di persone, incontrarsi per la tredicesima volta a Sacrofano, in provincia di Roma.
Il tredicesimoMegaradunonazionale: un’occasione di conoscenza, di scambio di esperienze e soprattutto di svago, che i fratelli e le sorelle di persone con disabilità provenienti da tutta Italia – isole comprese – si sono dati a Sacrofano, a Roma, nel Lazio.
foto-sorella-normale-sorellina-downIl “Megaraduno” è organizzato dal “Comitato Siblings Onlus – Sorelle e fratelli di persone con disabilità” – ex Gruppo Siblings – che nel corso degli anni, ha visto la partecipazione di centinaia di persone giungere da tutta Italia, grazie al cui sostegno, alle cui esperienze ed al cui confronto, fin dal lontano 1997, si sono creati gruppi di auto-mutuo-aiuto, organizzati da fratelli per altri fratelli, come ha spiegato al Redattore Sociale, Federico Girelli, Presidente del Comitato e fratello di una donna con sindrome di Down:
Si tratta di momenti di confronto e di scambio basati sull’assoluta libertà di pensiero e di parola, perché chi partecipa sa che nulla di quello che dice verrà mai riportato all’esterno” ed ha aggiunto “Tutto è partito da un’intuizione di Anna Zambon Hobart, psicoterapeuta vicina all’Associazione italiana persone Down che ha pensato di dare vita a gruppi di auto-mutuo-aiuto tra fratelli e sorelle”.
Giornate, inizialmente dedicate solo a chi aveva un fratello od una sorella con sindrome di Down, ma che con il tempo, ha visto estendersi i gruppi a tutti i tipi di disabilità fisica o intellettivo-relazionale, arrivando a coinvolgere in ben oltre 15 anni di attività, un totale di quasi 200 partecipanti tra i 18 e i 70 anni, provenienti da tutta Italia, preoccupati in particolar modo per quello che è il “dopo di noi”, come continua a spiegare Girelli:
“Ai nostri gruppi partecipano persone con situazioni e vissuti molto diversi tra loro” e racconta “C’è chi avverte il peso eccessivo delle responsabilità nei confronti dei propri fratelli e sorelle e chi si sente tagliato fuori dai genitori, le esperienze possono essere molto diverse tra loro. Ma per tutti è impellente la questione del cosiddetto “dopo di noi” che, in questo caso, diventa un con e durante noi. Il rischio rimane quello di arrivare a 50 anni a ritrovarsi da soli con un fratello che non si conosce abbastanza”.
foto-futuroUn “Megaraduno” quello del 27 settembre, aperto a tutti, anche a coloro che non aderiscono al gruppo di “siblings”; ed a riguardo, chiunque volesse avere maggiori informazioni sull’evento e/o sul gruppo, può farlo attraverso il sito all’indirizzo www.siblings.it oppure scrivendo all’indirizzo info@siblings.it
Canali usati anche per il collegamento fra sorelle e fratelli, favorito tramite una mailing list ad essi riservata, la pagina facebook ed il sito web www.siblings.it attraverso il quale il Comitato, intrattiene contatti con fratelli e studiosi di altri Paesi.
Un evento ilMegaradunodel 27 settembre, assolutamente da non perdere!
.
La Redazione


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.