Sogni tragici: cosa significa sognare la morte di un figlio

Feb 21, 15 Sogni tragici: cosa significa sognare la morte di un figlio

Capita alla mattina di svegliarsi frastornati, per non dire angosciati, per via di un brutto sogno fatto; ebbene, chiariamo quindi anzitutto che le circostanze che causano i sogni sono molteplici e fra queste, vanno distinte quelle meccaniche da, quelle psichiche.
Meccanicamente infatti un sogno è l’evoluzione e la conclusione di atti che sono rimasti in sospeso durante la giornata; in primis i pensieri (e proprio qui c’è la correlazione tra meccanismo e psichicità).
Facciamo un esempio: se durante la giornata mentre si fa una determinata azione si è interrotti, il nostro inconscio conserva l’impegno di portare a termine ciò che si stava facendo, anche se consciamente si potrebbe anche dimenticarsene, o non avere alcuna intenzione di concluderla.
foto-sognare-morteEbbene, nella fase onirica, ossia nei sogni, questa azione potrebbe tornare alla mente e col sogno, l’impegno di concluda e archiviarla; stessa cosa accade e anche maggiormente, coi pensieri, in particolare quelli che sfuggono o quelli ai quali non si riesce a dare una soluzione.
Molte volte si è turbati da brutti sogni, dei quali non si riesce a spiegarsene il motivo, in particolare quelli nei quali si esprimono atti incestuosi o violenti molto lontani dalla nostra realtà, oppure atti rivolti contro i figli o i genitori; sogni che ovviamente lasciano un po’ di sgomento e turbamento.
Sogni che trovano semplice spiegazione considerando la triste realtà odierna fatta di notizie di infanticidi, guerre e stragi, rispetto ai quali chi potrebbe trovarsi, potenzialmente nelle stesse condizioni, ma che ovviamente non commetterebbe mai certi gesti, applica una forma di censura alla propria mente, mettendo una sorta di post-it, che però nella fase del sogno viene rielaborato in modo distorto da un semplice meccanismo della mente, che traduce le parole in immagine.
Da chiarire infatti che le immagini non hanno negazione, per cui se si sogna una violenza contro il proprio bambino si vedrà l’immagine della violenza e non la “non” violenza contro il proprio figlio, in quanto per l’inconscio il “non” non riveste nessun significato, per cui anche la volontà di non commettere un dato atto, è tradotta con “fare” quell’atto! Ma non è tutto!
Nel sogno, l’azione predominante bisogna sapere che viene compiuta sempre da noi, in quanto chi elabora il pensiero è la nostra mente, per cui quando nel sogno siamo perseguitati o colpiti, il soggetto che compie l’azione non è il carnefice ma noi: il soggetto diventa chi avverte il senso di paura o di dolore, ossia noi, mentre chi perseguita è l’oggetto.
foto-cimiteroDa considerare poi, che se un sogno diventa ricorrente è perché prende la forma di un incubo, che al suo culmine ci sveglia interrompendo la soluzione per riprovarci in un nuovo sogno!
Attenzione, i sogni non hanno nulla a che fare coi sentimenti veri e reali, perché questi sono del tutto dissociati dalle azioni oniriche; le cause psichiche si devono riordinare nella categoria paure.
Quando nella realtà si elabora una paura infatti per il meccanismo dell’impossibilità della negazione dell’inconscio, la paura è affrontata nel sogno, con la medesima violenza con la quale nella realtà si eviterebbe.
Un luogo comune pseudofreudiano interpreta la violenza nel sogno con violenze subite ma in realtà così sarebbe troppo semplicistico; di solito chi subisce violenze le immagazzina nella mente e li esprime con atti dello stesso tipo, in quanto non ha imparato altro modo di agire, anche se durante la crescita, queste sono confrontate con altrettante azioni buone possibili.
Niente paura quindi mamme e papà, se si fannocertisogni, i meccanismi mentali sono autosufficienti e se non si dà loro tanta importanza nella vita quotidiana, trovano una soluzione autonomamente! Sogni d’oro a tutti!
.
La Redazione


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA *