Tumore al seno: scoperta la mappa dei geni che lo causano

Mag 06, 16 Tumore al seno: scoperta la mappa dei geni che lo causano

Importantissime notizie per la salute delle donne, per il tumore al seno: è stata scoperta la mappa dei geni che lo causano
Un gruppo di ricercatori del Wellcome Trust Sanger Institute di Hinxton, in Inghilterra, ha infatti fatto un’importantissima rivelazione per il tumore al seno: è stata scoperta la mappa dei geni che lo causano!
foto-tumore-senoI ricercatori hanno infatti evidenziato 93 alterazioni del Dna che, da sole ed anche in maniera combinata, sono risultate responsabili proprio dell’insorgenza del tumore al seno, il più diffuso tra le donne, che solo nel 2015, ha visto ben 50.000 casi di donne affette, anche se per fortuna, dagli ultimi dati, sembra che il rischio di mortalità sia sceso a quindici punti percentili.
La ricerca, effettuata su 556 donne e 4 uomini, ha visto pubblicare i suoi risultati su “Nature”, che Mike Stratton, Direttore dell’istituto, ha così commentato:
“Una pietra miliare nell’ambito della ricerca sul cancro al seno” ha esordito e quindi ha aggiunto “tutte le neoplasie dipendono da mutazioni che avvengono nel Dna delle nostre cellule: identificarle è il primo passo per mettere a punto terapie mirate”.
Una ricerca effettuata con lo scopo di trovare le mutazioni genetiche transitorie, che causavano la creazione di tumori nei tessuti sani del corpo, nell’intero genoma delle cellule tumorali, prestando particolare attenzione a non trascurarne alcuna, riuscendo ad identificare i 93 geni responsabili, avendo così oggi modo, di andare a porre i rimedi necessari.
Ovviamente nulla è perfetto, e potrebbero essere sfuggite alcune mutazioni; senza contare che non tutti i tumori al seno si manifestano allo stesso modo, ma hanno caratteristiche differenti tra loro, tanto da necessitare di farmaci diversi!
foto-prevenzione-tumore-senoNegli ultimi 15 anni sono state effettuate altre ricerche e sono stati trovati alcuni rimedi, ma purtroppo, come ha sottolineato Mike Stratton, Direttore dell’istituto, il tumore è difficile da debellare.
Con questa nuova svolta però, si auspica sarà più facile arrivare a sconfiggere la malattia, andando a creare farmaci particolari, in grado di curare ogni paziente in modo singolare.


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.