Bambini: testimoni inermi della SAP

Ott 17, 13 Bambini: testimoni inermi della SAP

Bambini: testimoni inermi della SAP. Alienazione parentale: un fuoco incrociato. “La decisione di avere un bambino è molto importante. Dovete decidere, per sempre , di dover avere il cuore fuori dal corpo.” – E. Stone

Il termine alienazione parentale, spesso utilizzato nei tribunali, si manifesta quando a causa del comportamento di un genitore rispetto all’altro il quale tende ad offuscare l’immagine del coniuge, ha portato ad un fenomeno che è stato definito dallo psichiatra americano Richard A . Gardner, nel 1985, come Sindrome da alienazione parentale – SAP . Tale sindrome si manifesta attraverso una serie di sintomi caratteristici, ad esempio quando in una famiglia la madre o il padre di un bambino prevale, influenzando emotivamente il proprio figlio o figlia, a scapito dell’altro coniuge .

foto-alienazione-parentaleQuesta circostanza è di solito causa di importanti e costanti litigi. In generale il problema si pone quando esiste già a monte una distanza tra la coppia, tanto che è quasi inevitabile che accadano costanti litigi all’interno della casa anche per occasioni banali. Addirittura ci sono casi in cui questi genitori sfruttano la situazione e utilizzano i loro figli , con l’intenzione di causare un sentimento di rabbia nella su0 partner. Questa barbarie, cioè di usare i loro figli come un trofeo o uno scudo che dir si voglia, con l’intenzione di provocare sentimenti di rabbia tanto da portare l’altro coniuge ad annullare il vincolo del matrimonio con la separazione ed il divorzio ma non solo. E’ doveroso precisare infatti che tale situazione va a generare nel bambino, sintomi di ansia e di paura, proprio perchè va a trovarsi in questo fuoco incrociato, essendo usato come una barriera tra i genitori .

Gardner ( 1985) sottolinea tre tipi di sindrome di alienazione genitoriale , che si differenziano per livello: lieve, moderata e grave, e raccomanda di rimando, varie forme di azione per ogni tipo, sottolineando l’ importanza della segnalazione per ogni livello.

A peggiorare le cose va detto, sono comunque gli episodi di risse e litigi, spesso innescati da un genitore contro l’ altro, che necessariamente, innescano la possibilità di divorzio o di coesistenza di un discorso che coinvolge la separazione: è in quei momenti che i bambini si presentano come testimoni inermi tanto da generare in loro paura, angoscia e ansia, oltre a causare insicurezza e dubbio .

Bambini: testimoni inermi della SAP. Tutto ciò è frequentemente presente come caratteristica per i bambini che sono coinvolti nei procedimenti di divorzio ostili , diventati il bersaglio da parte del genitore alienante che fa una sorta di “lavaggio del cervello”, denigrando l’immagine del genitore più debole davanti al figlio, portandolo ad assorbire tali atteggiamenti, denigrando e rifiutando a sua volta l’altro genitore. Tutto ciò comporta lo sviluppo di un senso di odio patologico e ingiustificato nei confronti del genitore alienato, con conseguenze devastanti per il loro sviluppo fisico e psicologico .

Questi sentimenti negativi nei bambini possono essere trasmessi in diversi modi ma il fenomeno diventa più grave quando l’alienante usa il bambino come un confidente sulla infedeltà dell’altro coniuge, con l’unico scopo di utilizzare il figlio come una sorta di modo per raggiungere il compagno, con atteggiamenti di vittimismo, rompendo l’immagine della madre o del padre ideale. In generale i genitori che si comportano in questo modo, vogliono apparire come un buon padre o una buona madre, senza però rendersi conto della gravità delle loro azioni e non riuscendo a comportarsi come adulti responsabili e preoccupati per l’educazione dei loro figli.

foto-alienazioneSpesso i bambini e gli adolescenti, vittime di questo processo intricato di alienazione genitoriale, sviluppano sintomi come irritabilità sia con i compagni di scuola che a casa, mancanza di incoraggiamento per le attività scolastiche e le attività della vita quotidiana, aggressività con i coetanei, insegnanti e famiglia e possono sviluppare alcuni disturbi psicologici come la depressione , l’ansia e il panico , fino all’utilizzo di droghe e alcol come un modo per alleviare il dolore e il senso di colpa.

Va detto infine che spesso gli adulti in questa situazione non si percepiscono come un alienante o non riconoscono che stanno usando il proprio figlio egoisticamente e che tutto questo complica ulteriormente la situazione in cui il bambino e l’adolescente si trova e che tutta questa situazione è una sorta abuso emotivo sul proprio figlio, in quanto il genitore nega il proprio comportamento. Quindi sarebbe appropriato cercare un aiuto psicoterapeutico per la salvaguardia del proprio benessere e del proprio figlio!.

di Tata M. Eliana


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.