Bambini ed empatia: dai 9 mesi riconoscono amici e nemici

Mag 06, 14 Bambini ed empatia: dai 9 mesi riconoscono amici e nemici

Bambini ed empatia: dai 9 mesi riconoscono amici e nemici. Avete presente quando ci dicono ’’non essere agitata o si agita anche il piccolo’’, oppure quando il nostro bambino sembra preferire interagire con un parente, un amico e/o un ospite sconosciuto, piuttosto che con un altro che conosce e vede da tempo?

Atteggiamenti che comunemente portano – in genere – a ritenere semplicemente che il proprio bambino, abbia una simpatica più per una persona, piuttosto che per un’altra ma che in realtà, rivela una vera e propria empatia del proprio bambino verso un determinato interlocutore!
Un concetto l’ empatia studiato oggi nella scienza cognitiva, che quindi va ben oltre l’antipatia o la simpatia ma che svela una capacità di comprendere gli stati d’animo, le emozioni ed i processi psichici, di chi ci circonda, che si tratti di gioia o di dolore. Empatia, significa infatti “sentire dentro” e non si riduce nel semplice fatto di mettersi per così dire nei panni dell’altro ma più entrare nel mondo dell’altro o portarlo nel proprio mondo, comprendendo immediatamente i suoi pensieri e gli stati d’animo.

foto-litigi-bimbeL’empatia costituisce quindi una sorta di modo di comunicare, nel quale il ricevente mette in secondo piano sé stesso ed il proprio modo di percepire la realtà, a favore delle esperienze e delle percezioni dell’altro, passando da mera osservazione esterna ad una forma profonda di comprensione dell’altro, con tanto di immedesimazione negli altrui sentimenti.

Bambini ed empatia: dai 9 mesi riconoscono amici e nemici. Un concetto che sembra quasi assurdo ma ciò è il risultato di ricerche fatte rispettivamente, dalla British Columbia University e da studi di ricercatori canadesi e ungheresi che rivela come i bambini, già dai 9 mesi, riescono a distinguere gli ‘’amici’’ dai ‘’nemici’’ e lo fanno in base al loro comportamento e con chi essi si approcciano, scegliendo poi chi ha le caratteristiche e i gusti più vicini ai loro, ma non è tutto!
Infatti, inoltre dai 18 mesi i bambini hanno anche la capacità di smascherare la falsa felicità, oltre a quella di capire l’attendibilità e la sincerità di un emozione in base alla circostanza.
foto-mani-bimbiIn molti coloro che da sempre erroneamente hanno creduto che i bambini piccoli – fino ai 3 anni – non riuscissero a capire le intenzioni degli altri; ebbene, invece fin dai primi mesi, i bambini sono in grado di comprendere il punto di vista ed i sentimenti altrui, esattamente con un adulto.
Una rivelazione che indubbiamente porta e deve portare ogni mamma e papà, a vedere il proprio bambino con un occhio diverso, a dare più importanza alle loro reazioni positive e negative e soprattutto a smetterla, con il famoso cliché ‘’tanto è piccolo non capisce niente’’.

.

di Mamma Gabriella


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.