Bimbo autistico a causa dei vaccini: lo Stato nega il risarcimento

Dic 05, 13 Bimbo autistico a causa dei vaccini: lo Stato nega il risarcimento

Bimbo autistico a causa dei vaccini: lo Stato nega il risarcimento. Ecco il riassunto dell’ennesima storia incredibile.

Nel 2000 nasce il figlio del signor Antonio Palazzolo, che viene regolarmente vaccinato con tutte le vaccinazioni previste dal protocollo in vigore in Italia (e i molti Paesi del mondo). Il bambino, dopo i vaccini, ha la febbre alta e viene ricoverato per convulsioni febbrili, un’evenienza purtroppo possibile nei piccoli in presenza di temperatura corporea elevata ma che, nella maggior parte dei casi, è una condizione benigna: con la crescita il sistema nervoso diventa meno sensibile e il sintomo scompare. Una piccola percentuale di bambini sviluppa invece una epilessia vera e propria. Il figlio del signor Palazzolo però, comincia a manifestare, qualche anno dopo, sintomi di regressione delle abilità acquisite, specie nel linguaggio, e poco dopo viene diagnosticato come autistico.

foto-bimbo-autisticoI genitori vanno su Internet e trovano molto materiale a sostegno del nesso tra i vaccini (in particolare quello contro il morbillo, parotite e rosolia) e l’insorgenza di autismo. Il web ne è pieno. Nel 1998 la rivista medica Lancet” pubblica infatti uno studio di un noto medico britannico che, analizzando le cartelle cliniche di 12 bambini autistici stabilisce un nesso di causa-effetto tra vaccini, disturbi intestinali e autismo.

Ma purtroppo il risarcimento non arriverà mai. Il motivo? La burocrazia: la domanda non è stata presentata entro i tre anni previsti dalla legge ma i genitori però sostengono di essersi accorti del danno procurato dalle vaccinazioni, soltanto dopo alcuni anni e di essere quindi entro i termini di legge. Presentando le cartelle cliniche con tanto di data ottengono così la verifica positiva degli stessi medici del Ministero ma questi però, nel frattempo fa un passo indietro cancellando il nesso di causalità già sancito dalla commissione medica.

Per la commissione sanitaria dell’ospedale il bambino si sarebbe ammalato a causa dei vaccini, ma le pratiche per il risarcimento sarebbero state presentate in ritardo, mentre per il Ministero è vero esattamente il contrario: un corto circuito burocratico che richiede un parere del Consiglio di Stato.

foto-autismoBimbo autistico a causa dei vaccini: lo Stato nega il risarcimento. La sentenza arriva nel settembre 2011: il Ministero ha sbagliato ad occuparsi di nesso causale.

Quindi è vero che il piccolo Palazzolo si è ammalato a causa delle vaccinazioni obbligatorie, e i suoi genitori hanno presentato le pratiche per il risarcimento in tempo. Toccherebbe quindi al Ministero della Sanità provvedere a riparare il danno fatto. E invece ecco l’ennesimo colpo di scena: il ministero ammette l’errore, annuncia di cambiare iter dopo la sentenza del febbraio 2011, ma non intende risarcire i casi precedenti alla sentenza del Consiglio di Stato.

Ci si mette quindi anche Beppe Grillo e il suo movimento per dare voce ai genitori che attendono ora che una sentenza venga eseguita. Insomma, un bel pasticcio all’italiana. A voi i commenti.

 .

di Elisabetta Coni


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.