Come prevenire la gestosi limitando il consumo di grassi

Mar 06, 16 Come prevenire la gestosi limitando il consumo di grassi

La gestosi è una di quelle condizioni che più preoccupa le future mamme; ma proprio per calmare le donne in dolce attesa, è importante spiegare come è possibile prevenire la gestosi limitando il consumo di grassi

La gestosi infatti compare in genere attorno alla 20a settimana di gravidanza e, qualora non sia trattata, può portare ad un parto prematuro o a problemi nello sviluppo del bebè; ma un recente studio ha dimostrato come prevenire la gestosi limitando il consumo di grassi nella dieta,
foto-gestosiE non a caso, la condizione infatti in cui si manifesta la gestosi, corrisponde ad un quadro clinico caratterizzato da ipertensione arteriosa, sopra ai 140/90 mm/Hg, proteinuria, ossia presenza di proteine nelle urine ed edemi, vale a dire gonfiori.
Una dieta quindi quella da fare in dolce attesa, terapeutica, in quanto mangiare bene, in particolare in gravidanza, è assolutamente importante: ma come fare quindi? A cosa bisogna stare attente?
Anzitutto, bisogna moderare l’apporto di grassi a tavola, come sostiene anche uno studio pubblicato sul “Neural Regeneration Research”, che ha dimostrato che una dieta ricca di grassi, può far aumentare il rischio di sviluppare gestosi.
Ma attenzione,perchè anche se il peso della futura mamma è nella norma, non bisogna comunque consumare più di 4 porzioni da 14 grammi ciascuno, considerando che una porzione di grassi corrisponde a: un cucchiaio di olio d’oliva, ad un cucchiaio di burro o di margarina, ad un cucchiaio di maionese, a 2 cucchiai di panna o a 2 cucchiai di formaggio cremoso.
foto-gestosi-pressioneDetto questo, considerando due pasti e tre spuntini al giorno, è fondamentale fare molta ma molta attenzione! Ma non è tutto.
E’ fondamentale inoltre limitare i grassi nascosti, favorendo ad esempio il pane integrale, il latte e lo yogurt scremati e per contro, riducendo i formaggi, ed alternando la carne con il pesce alla griglia o lesso, come merluzzo, nasello, trota e sogliola, ma condito con solo limone e pochissimo olio.
Ovviamente comunque questo non equivale a dire che i grassi devono essere eliminati del tutto dalla dieta alimentare, in quanto sono fondamentali per lo sviluppo cerebrale e degli occhi del bebè, e hanno effetti positivi sulla futura mamma.


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA *