E’ giusto sterilizzare le figlie disabili?

Set 06, 13 E’ giusto sterilizzare le figlie disabili?

E’ di queste settimane un combattuto dibattito che parte dall’Australia ma che in realtà coinvolge tutto il mondo. La questione affrontata è la seguente: è giusto sterilizzare le proprie figlie disabili? E’ utile gestire il ciclo mestruale delle ragazze disabili onde evitare un eventuale sfruttamento sessuale?

Anzitutto è bene sottolineare che contrariamente a quanto si possa – comunemente – pensare è questa una pratica molto in uso, anche oltre oceano, negli Stati Uniti.

Una pratica che proprio in Australia vede la Commissione del Senato confermare la possibilità di applicare in modo forzato la sterilizzazione in soggetti femminili con disabilità. Nello stesso tempo i parlamentari australiani hanno proposto una serie di norme che tutelino le pazienti ed una adeguata preparazione sia per il personale medico che per le famiglie, le quali hanno realmente bisogno di un adeguato aiuto psicologico.

foto-sterilizzazione-bimbe-disabili..Prima di affrontare una simile decisione comunque, le famiglie devono primariamente rivolgersi ad un giudice tutelare, il quale delibera sul da farsi.

E’ da comprendere quali “dilemmi” offuschino la mente dei genitori che si decidono ad affrontare questa difficili problematica. Le opinioni degli esperti e degli stessi genitori sono infatti molto discordanti. Alcuni parlano di condizioni di vita altamente migliorate; altri invece, di una vera e propria tortura per queste ragazze che, nonostante la disabilità sono comunque donne a tutti gli effetti.

In rete è possibile trovare diverse testimonianze sull’argomento. veniamo a conoscenza infatti ad esempio dell’esperienza di Louise Robins, la quale si dice favorevole alla sterilizzazione della figlia disabile mentale, soprattutto quando pensa alla sua paura per il sangue ed alla sua conseguente reazione alla vista delle mestruazioni. Di parere è invece Katherine Knight, madre di Amelia, la quale ritiene come il ciclo sia una parte determinante dell’essere donna di sua figlia. Un elemento che in pratica la identifica sia come donna che come essere umano con delle caratteristiche determinanti.

foto-sterilizzazione-bimbe-disabili.E’ evidente comunque di come questa sia una questione molto complessa, dala quale scaturiscono indubbiamente una miriade di opinioni si fronti e posizioni diverse tra di loro. In Australia una indicazione autorevole è stata data dalla “Human Rights Commission” che ha criminalizzato la sterilizzazione forzata, da applicare solamente in grave situazione di pericolo, affermando con convinzione che la fertilità è un diritto umano di tutte le donne, anche per quelle che presentano delle disabilità.

E voi che dite amici?

.

di Anna Chianese

 


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.