La primavera ed i suoi pericoli: come proteggere i bambini

Apr 15, 14 La primavera ed i suoi pericoli: come proteggere i bambini

La primavera ed i suoi pericoli: come proteggere i bambini. Con l’arrivo della primavera e il bel sole caldo la voglia di stare all’aria aperta, prepotente si fa sentire, in grandi e soprattutto nei bambini, che non  vedono l’ora di andare alla scoperta di tutto ciò che li circonda, alla ricerca di nuovi e stimolanti giochi.
Può andar bene un terrazzo o un parco giochi, non ha importanza, l’importante é che il bambino possa fare nuove scoperte e sperimentare nuovi giochi; tutto stimolerà la sua curiosità e catturerà la sua attenzione, l’erba verde cangiante, i giochi, i fiori colorati con le sue foglie dalle forme strane, senza parlare dell’acqua, fontanelle o pozzanghere.
Dietro tutto questo divertimento si nascondono però tanti pericoli che comportano il 50% degli incidenti in età pediatrica; incidenti che è bene sottolineare però, possono essere prevenuti.
Come? A cosa devo fare attenzione? si domanda infatti ogni mamma. Ed ecco allora le risposte ed un elenco di consigli utili affinché’ il nostro bambino giochi tranquillo e magari permetta a noi genitori, di rilassarci un po’:

  • foto-bimba-primaveracancelli e recinti: assicuriamoci, prima di lasciare il nostro ometto a scorrazzare liberamente, che il cancello automatico abbia un sistema di sicurezza di arresto, controlliamo che eventuali cancelletti, magari proprio quelli che danno sulla strada, siano chiusi magari a chiave e che il recinto sia a sbarre fitte, cosi che al bambino non venga voglia di infilarci qualcosa, magari se stesso per poi rimanere incastrato o per arrampicarsi;
  • fiori e piante: anche a chi non possiede il cosiddetto ‘’pollice verde’’ piace avere delle piante e/o dei fiori profumati, che rallegrino il terrazzo e portino un dolce profumo, per noi è un piacere per gli occhi ma per il nostri cuccioli potrebbero essere un piacere per il palato, perché sapete che loro conoscono il mondo che li circondano attraverso la bocca, ma questi potrebbero risultare tossici. Quindi bisogna documentarsi su che pianta o fiore abbiamo piantato e magari recintarle e comunque metterle in sicurezza. Facciamo in modo che l’erba sia molto corta così da non dare la possibilità ad api e vespe di nascondersi tra i ciuffi d’erba e magari pungere;
  • W i box con la sabbia: ottimo modo per permettere ai piccoli esploratori di scatenare la loro creatività estrosa e di conseguenza la loro voglia di distruzione, ma facciamo attenzione e rendiamo il box sicuro tenendolo coperto fino al momento dell’utilizzo, cosi da proteggerlo dalla pioggia, da escrementi di gatti e uccelli. Se decidiamo di andare in un parco attrezzato con questi box, prima di lasciarci il piccolo costruttore, assicuriamoci che sia pulito e libero da escrementi, mozziconi di sigarette, buste di plastiche, eccetera;
  • foto-bambino-piscinaacqua, acqua ed acqua: anche le piscine e i laghetti sono un ottimo e stimolante gioco per farlo divertire, ma in questo caso non dobbiamo distrarci neanche per un secondo e farlo giocare, magari in una di quelle piscinette gonfiabili, sotto la nostra attentissima supervisione, questi giochi possono sembrare innocui ma nascondono mille pericoli, cosi quando abbiamo deciso che i giochi con l’acqua sono finiti, non lasciamo la piscina gonfia e ancora piena, ma svuotiamola e se non fosse possibile, recintiamola e copriamola con un telo inamovibile per il piccolo.

.

di Mamma Gabriella


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA *