Liguria: bimba chiede la carità … per gioco

Ago 18, 13 Liguria: bimba chiede la carità … per gioco

Mezzogiorno … Santa Margherita Ligure, in una manina teneva un foglietto con la scritta «Mi hanno abbandonata, fate un’offerta» e nell’altra un bicchiere di plastica trasparente con alcune monetine. Un bel vestitino, in ordine, uno scricciolo di appena tre anni. «È stato un passante ad avvertirmi – dice Roberto Maiocco il vigile urbano che per primo è intervenuto – così mi sono avvicinato alla bambina, con dolcezza per non spaventarla e per capire se era sola». Non era sola, la mamma, una quarantenne di Gorle, in provincia di Bergamo, era seduta a pochi metri di distanza, al bar di piazza san Bernardo, insieme con un’amica di Milano, per l’aperitivo. Non è chiaro, invece, se con le due donne fosse presente anche un uomo, sembra di Milano. «È solo un gioco, uno scherzo per fare divertire la bambina e distrarla mentre io parlavo con la mia amica» ha detto la donna in modo, riferiscono i testimoni molto seccato.

foto-bimba-elemosinaSembrava infastidita, la signora, dall’intromissione della polizia municipale in quello che ha continuato a definire un «gioco», far finta di essere una bambina povera e abbandonata. E le monete nel bicchiere di plastica? «Le ho messe io» ha detto la mamma della bimba spiegando di essere a Santa Margherita in villeggiatura, non certo a chiedere l’elemosina, e insistendo che si trattava di una sciocchezza che non richiedeva l’intervento dei vigili. Questi ultimi, increduli, hanno chiamato i carabinieri e a questo punto la donna ha capito che la cosa non finiva lì: è stata denunciata per sfruttamento di minore ai fini di accattonaggio alla Procura di Chiavari e contestualmente è partita la segnalazione al Tribunale dei Minori di Genova. L’iter prevede che la segnalazione arrivi al Comune di residenza che potrà attivare i servizi sociali per verificare se siano necessari interventi a tutela della bambina.

foto-poliziaLa bimba, fortunatamente, sembrava proprio aver preso la cosa come un gioco «Quando le ho preso il bicchiere è stato un po’ come toglierle un giocattolo» racconta il vigile. «Non posso credere che una mamma faccia una cosa simile per scherzo – dice l’assessore Andrea Bernardin – io ho figli, anche se molto più grandi, e parlo da padre. Non so dire cosa è peggio, se quella donna ha agito per gioco o se veramente, come credo, usava la bambina per raccogliere un po’ di soldi mentre lei la aspettava al bar.» ed ha spiegato quanto al contesto attuale della location marinara «A Santa Margherita in questa stagione c’è una certa presenza di persone che chiedono l’elemosina, c’è una mensa per i poveri e un’altra mensa dei frati è a Rapallo. È tutta povera gente e non mi scandalizza, se c’è decenza e rispetto per le persone».

A voi i commenti …

.

di Elisabetta Coni

 


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.