Utilizzi e successi delle cellule staminali del cordone ombelicale

Apr 28, 16 Utilizzi e successi delle cellule staminali del cordone ombelicale

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente

Grazie ai risultati positivi raggiunti in tutto il mondo nell’applicazione terapeutica delle cellule staminali, sempre più famiglie scelgono di affidarsi a strutture che offrono la conservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale. L’importanza di queste cellule dal punto di vista medico, infatti, è sempre più evidente e negli ultimi anni i progressi fatti dai ricercatori hanno messo in luce le potenzialità delle staminali nel trattamento di patologie di diversa natura.

foto-trapianto-cellule-staminali..Risultati sorprendenti sono stati raggiunti in ambito oncoematologico, in particolare le staminali cordonali sono state utilizzate per trattare pazienti affetti da gravi patologie come la leucemia linfoblastica acuta e l’anemia aplastica. Sebbene in questo campo gli standard terapeutici prevedano il trapianto allogenico, cioè l’utilizzo di staminali provenienti da donatore, negli ultimi tempi esiti positivi sono stati ottenuti anche con il trapianto autologo. Nel 2007, una bambina di tre anni è stata sottoposta al trapianto delle cellule staminali prelevate dal suo cordone al momento della nascita per combattere la leucemia linfoblastica acuta. Dopo un anno i valori ematici della giovane paziente erano tornati nella norma e l’anno seguente non si è verificato alcun segno di ricaduta [1].

Uno studio più recente ha previsto il trapianto autologo di staminali cordonali in tre pazienti colpiti da anemia aplastica severa. I pazienti, che hanno ricevuto l’infusione delle cellule dopo una terapia immunosoppressiva, hanno temporaneamente sconfitto la malattia: il primo per cinque anni, il secondo per tre e il terzo per 17 mesi. Nell’ultimo caso il paziente è stato sottoposto nuovamente a un ciclo di terapia immunosoppressiva, che gli ha permesso di trascorrere altri due anni senza la necessità di continue trasfusioni di sangue [2].

Il trapianto autologo di cellule staminali cordonali ha dato esiti promettenti anche nel campo dei disturbi neurologici come la paralisi cerebrale. Uno studio in corso ha previsto il trapianto autologo delle staminali in 184 bambini affetti da disordini neurologici di diversa natura e, dopo l’infusione, nessuno dei pazienti ha mostrato reazioni negative, a dimostrazione della sicurezza del trapianto autologo di cellule cordonali [3]. Infine, una recente ricerca ha verificato l’efficacia del trapianto allogenico di staminali del cordone nel trattamento di una rara complicanza che colpisce le persone affette da lupus sistemico eritematoso, chiamata emorragia alveolare diffusa. Dopo il trapianto tutti i quattro pazienti trattati hanno mostrato miglioramenti: i livelli di ossigeno ed emoglobina nel sangue si sono normalizzati [4].

Quelli che abbiamo descritto nelle righe precedenti sono solo alcuni degli studi che gli scienziati di tutto il mondo stanno portando avanti grazie all’utilizzo delle cellule staminali del cordone ombelicale, che oggi sono già impiegate per il trattamento di oltre 80 malattie [5].

Per maggiori informazioni: www.sorgente.com

Note:

  1. Hayani A, Lampeter E, Viswanatha D, Morgan D, Salvi SN: First report of autologous cord blood transplantation in the treatment of a child with leukemia. Pediatrics 119:e296-300, 2007
  2. Rosenthal J, Woolfrey AE, Pawlowska A, Thomas SH, Appelbaum F, Forman S: Hematopoietic cell transplantation with autologous cord blood in patients with severe aplastic anemia: An opportunity to revisit the controversy regarding cord blood banking for private use. Pediatr Blood Cancer
  3. Sun J, Allison J, McLaughlin C, Sledge L, Waters-Pick B, Wease S, Kurtzberg J: Differences in quality between privately and publicly banked umbilical cord blood units: a pilot study of autologous cord blood infusion in children with acquired neurologic disorders. Transfusion 50:1980-1987
  4. Clinical Rheumathology
  5. Leggi l’elenco delle patologie


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.