Venezia: arrivano nelle scuole le favole contro l’omofobia

Feb 11, 14 Venezia: arrivano nelle scuole le favole contro l’omofobia

Venezia: arrivano nelle scuole le favole contro l’omofobia. Interessante iniziativa quella lanciata dal Comune di Venezia negli asili nido e nelle scuole materne, ove per combattere le discriminazioni legate all’orientamento sessuale, come riporta “Giornalettismo“, sono state distribuite favole contro l’omofobia: ben quarantasei favole che saranno lette negli asili nido e nelle scuole materne del comune, che ha già acquistato e distribuito migliaia di volumi.

Un’iniziativa interessante per combattere le discriminazioni che sono legate all’orientamento sessuale, che riguarda ben 10 asili e 36 scuole, che come si legge sul “Corriere“, vede promotrice ed ideatrice del progetto la delegata Camilla Seibezzi del sindaco Giorgio Orsoni, per le politiche contro le discriminazioni, che già qualche mese fa, aveva proposto la sostituzione dei termini “mamma” e “papà” con quello di “genitore“.

foto-asiloUna nuova iniziativa, questa delle favole, che non ha mancato di scatenare commenti, critiche e polemiche, tra cui il “Giornale” ed il “Quotidiano di Sallusti”, che avrebbe pubblicato un articolo dal titolo:

“Insegnare a scuola l’omosessualità è un abuso di Stato” – “Il comune di Venezia compra le favole gay per gli alunni, a Milano papà diventa “genitore”. Ma educare i figli spetta alla famiglia“, firmato dal filosofo Stefano Zecchi.

foto-gayVenezia: arrivano nelle scuole le favole contro l’omofobia. Un’iniziativa che vuole far capire ai bambini che la famiglia può avere un’ideaallargata e che non bisogna discriminare nè criticare gli orientamenti sessuali degli altri, in un 2014, ove le famiglie composte da due mamme e due papà non sono ormai più un tabù ma un dato di fatto.

Un concetto ed una educazione che oltre a dare i genitori in famiglia, secondo il comune di Venezia, ha il compito di educare fornire la scuola; ma voi cosa ne pensate? Si tratta di educazione, oppure di provocazione?

.

di Mamma Melacotta


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.